Jack Cardelli ci presenta Vigevano

E' arrivato il giorno del debutto casalingo in campionato. Domenica alle 18 i ragazzi di coach Tonfoni si troveranno finalmente a fianco i propri tifosi, pronti tutti insieme ad affrontare una squadra di grande potenzialità come la Elachem Vigevano. I lombardi arrivano in Toscana con lo stemma della neopromossa, ma di neopromossi hanno poco o niente: reduci da una trionfale promozione con 38 vittorie su 38 partite, la società lomellina ha rinforzato notevolmente il roster per puntare principalmente alla salvezza, ma avendo ambizioni ben più importanti. E come succederà spesso in questa stagione, diamo la parola al nostro Giacomo "Jack" Cardelli, primo assistente di coach Tonfoni, per presentare la nostra prossima avversaria: "Pur essendo neo promossa - dice Giacomo - Vigevano ha costruito secondo me una squadra che può puntare tranquillamente ai playoff. Innanzitutto è una squadra lunga, con 10 giocatori che possono stare in campo e dare il loro contributo. Ma io quintetto è il vero punto di forza: il play è Panzini, giocatore che al Palaterme ha vinto due campionati di B negli ultimi 3 anni e che conosciamo bene, ha esperienza e carisma; il trio Verri-Benzoni-Petrosino porta in dote punti, fisicità, esperienza e talento, con Benzoni che è un giocatore capace di fare canestro in ogni situazione. Dalla panchina esce un altro mister promozione come Birindelli, ala capace di giocare dentro e fuori l'area e che è senza dubbio l'addizione in più. Importanti anche i contributi del play di riserva Minoli, giocatore storico di Vigevano, e del giovane De Gregorio, interessante cambio dei lunghi". Detta così, sembrerebbe attenderci una missione impossibile. Ma Jack spiega quale potrebbe essere la ricetta per vincere questa gara: "Innanzitutto i ragazzi vogliono riscattare il pessimo terzo quarto di domenica scorsa - commenta Giacomo - pur tra qualche problemino ci siamo allenati bene e con determinazione. Sappiamo che ci aspetta una gara dura, loro sono carichi e non perdono una partita da più di un anno. Noi dovremo scendere in campo pronti mentalmente e tatticamente a rompere i loro giochi offensivi e la loro fluidità, tenere botta sotto canestro dove sono più grossi ed esperti di noi e soprattutto mettere in campo agonismo, cuore e velocità, che devono essere le nostre armi, che potrebbero essere molto utili contro squadre esperte ma abbastanza monocorde come Vigevano". Come dire entusiasmo contro esperienza, energia contro ritmo basso. E il tifo del Palaterme a completare l'opera.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento