Primo ko interno per l'Use Computer Gross

Dopo la sconfitta di domenica scorsa a Vigevano, la squadra di coach Bassi perde ancora in volata per appena un punto contro la Sangiorgese del grande ex Daniele Quilici, ancora imbattuta in questo avvio
63-64
USE COMPUTER GROSS Giannini 15 (4/9, 2/7), Raffaelli 14 (3/6, 2/6), Giarelli 12 (5/7, 0/1), Sesoldi 10 (5/8, 0/4), Perin 6 (3/8, 0/4), Botteghi 3 (0/0, 1/2), Corbinelli 3 (0/0, 1/3), Stefanini (0/4, 0/1), Antonini (0/1, 0/1), Landi (0/0, 0/0), Berti ne, Falaschi ne. All. Bassi (ass. Mazzoni/Valentino)
LTC SAN GIORGIO SUL LEGNANO Toso 14 (6/7, 0/0), Scali 12 (1/3, 3/8), Bocconcelli 8 (3/6, 0/2), Rota 7 (3/7, 0/4), Parlato 6 (0/1, 2/6), Cozzoli 6 (1/1, 1/5), Colombo 6 (3/8, 0/0), Roveda 5 (2/5, 0/1), Di Ianni 0 (0/0, 0/3), Plebani ne. All. Quilici (ass. Roncari/Picarelli)
Parziali: 14-11,27-35 (13-24), 40-44 (13-9), 63-64 (23-20)
Secondo arrivo in volata nel giro di quattro giorni e seconda sconfitta per l'Use Computer Gross che, dopo aver perso domenica a Vigevano, incassa la prima battuta d'arresto interna per 63-64. Ad espugnare la Lazzeri è la Sangiorgese dell'ex Daniele Quilici che si conferma bestia nera dei biancorossi avendoli battuti per la terza volta negli ultimi due anni e che continua nella sua marcia a punteggio pieno. Ma, stavolta, più che le cifre parla l'atteggiamento della squadra di coach Bassi, apparsa meno brillante di altre volte e mai capace di prendere davvero in mano le redini della sfida anche quando, nel parziale finale, la gara è tornata in equilibrio. Poi, ovviamente, il confine fra esultare o essere arrabbiati sta in appena un punticino e quindi la cosa migliore da fare è restare sereni, leggere bene la partita e continuare a lavorare per correggere gli errori. Cosa che sicuramente i biancorossi saranno capaci di fare. La Sangiorgese si conferma avversario tosto e, dopo la bomba di Botteghi che apre le danze, le due squadre viaggiano a braccetto per quasi tutto il primo parziale che, fra i protagonisti, vede l'altro ex della serata, Guido Scali. Anche se le percentuali biancorosse sono basse, l'Use tiene sempre la testa avanti ed al 10' chiude sul 14-11. La seconda frazione, però, vede gli ospiti allungare (chiuderanno la frazione 13-24) dopo il sorpasso di Parlato sul 21-22 ed il primo mini-allungo di Cozzoli dalla lunga sul 23-28. La squadra di Bassi trova poche soluzioni da sotto e, viste le percentuali basse dall'arco, fatica oltre il lecito ed al riposo lungo si va sul 27-35. Ci si aspetta una reazione al ritorno in campo, ma così non è. La squadra di Quilici tiene sempre in mano il pallino del gioco e, di conseguenza, la testa avanti. Sul più 9 di Scali dalla lunga (29-38), l'Use si scuote con la bomba di Giannini, il canestro di Perin, il gioco da tre punti di Raffaelli che subito dopo, dall'arco, impatta a quota 40. Colombo replica subito ed all'ultimo risposo si va sul 40-44. Ci si gioca tutto nell'ultima frazione che vede una reazione di orgoglio dei biancorossi che, però, non riescono mai a trovare la forza di prendere davvero in mano l'inerzia della partita. Sul 43-54 a firma Toso (grande protagonista dell'ultima frazione), l'Use ribatte con Perin e la forbice si riduce fino a quando due canestri di Sesoldi non decretano la parità: 61-61 a un minuto dalla sirena. Segna Rota, lo imita Raffaelli che pareggia a 63. Timeout ospite a 7 secondi dalla sirena, palla a Roveda che subisce fallo da Giannini e mette il primo libero, quello che basta per dare ai suoi la meritata vittoria per 63-64. E domenica alle 18 l'Use Computer Gross sarà in campo a Domodossola.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento