Vismederi, il solito inizio fiacco costa caro

L'Oti Galli fa suo l'incontro dopo che i ragazzi di Braccagni recuperano dal -19 77-71
Parziali: 26-13, 46-32, 56-49
OTI GALLI: Rath 13, Mascherini M. 16, Baglioni 2, Baldi 6, Bartoli 6, Camerini 12, Mascherini J. 13, Falcioni 9, Capponi, Merico, Anichini ne, Gueye ne. All. Baggiani
VISMEDERI COSTONE SIENA: Benincasa 11, Angeli 5, Bruttini 16, Tognazzi 18, Chiti G. 7, Chiti L. 7, Ceccatelli 5, Mini 2, Ricci, Catoni, Panichi. All. Braccagni
ARBITRI: Magazzini e Vagniluca
Con una prima parte di gara fortemente deficitaria, la Vismederi compromette un incontro che alla fine ha visto i padroni di casa esultare per una vittoria sofferta, ma sicuramente meritata in virtù di un vantaggio iniziale che ha toccato anche i +19 al 16’ (42-23). Parte infatti malissimo la Vismederi, sterile in attacco, ma soprattutto fiacca in difesa, con i locali che sembrano giocare a occhi chiusi. Le alte percentuali al tiro dell’Oti Galli fanno la differenza, soprattutto quelle dalla lunetta (21 su 24-88%); è proprio nei tiri liberi che i padroni di casa costruiscono e mantengono il vantaggio, mentre i senesi fanno una fatica enorme per rientrare in partita, riuscendoci però con un buon inizio di 3^ frazione, anche se il vero arrembaggio arriva nell’ultimo periodo con la Vismederi che raggiunge il -1 al 35’ (61-60). L’Oti decide di passare a zona, ma la carta vincente la giocano prima Rath e poi Mascherini che dall’arco dei 6,75 ridanno fiato all’Oti. Le bombe di Bruttini e Ceccatelli invocano il miracolo e a 30”, sul 71-68, la palla è in possesso dei senesi, ma l’attacco svanisce, mentre in contropiede sempre Mascherini non perdona. Ma non è finita: Benincasa di tabella vale 3 a 8” (73-71), poi sul fallo sistematico si chiude l’incontro.

R.R.
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento