Coach Cioni furioso: Scotti, così non va

Il tecnico dopo il ko con Broni: "Se andiamo in campo per fare il compitino e senza metterci quel qualcosa in più come atteggiamento non abbiamo possibilità di farcela. Domenica abbiamo una gara fondamentale a Battipaglia e voglio una squadra diversa. Di sicuro io non mollo"
Stavolta coach Alessio Cioni non fa sfoggio di diplomazia. La Scotti vista con Broni non gli è andata giù e non tanto, ovviamente, per il risultato finale che con una squadra di quel livello ci sta, quanto per l’atteggiamento delle sue ragazze in campo: "Secondo me ci sono due chiavi di lettura alla partita – attacca – una tecnica ed una caratteriale. Per quanto riguarda la prima abbiamo giocato all’inizio la partita che avevamo preparato. Poi Mathias, che aveva un problema al piede, è dovuta uscire abbiamo pagato e le cose sono andate in modo diverso. Per quanto riguarda l’atteggiamento è già la seconda o terza volta che siamo a commentare una partita nella quale, non appena andiamo in difficoltà, non riemergiamo e non lottiamo. E questo non è accettabile, specie per una squadra come noi che si deve sudare punto su punto. La scelta che abbiamo fatto in estate era proviamoci, lottiamo, cerchiamo di dimostrare che ci possiamo stare ed è quello che non stiamo facendo. Io e la società abbiamo puntato ad inizio stagione su una squadra che doveva colmare il gap di inesperienza in A1 con energia e volontà, e non lo sta facendo. Se facciamo il semplice compitino le altre sono più forti e con Broni abbiamo avuto l’ennesima riprova". Il motivo di tutto questo? "Non so se è scoramento o presunzione – prosegue –se fosse quest’ultima sarebbe difficile intervenire mentre, se fosse scoramento, possiamo lavorare per venirne fuori. Di sicuro io non mollo e domenica abbiamo la partita che ci interessa, quella di Battipaglia, gara che potrebbe darci la svolta del campionato. Se vinciamo andiamo 2-0 negli scontri diretti ma, per farlo, dobbiamo cambiare assolutamente registro>. La vicenda Napoli e l’incertezza su come possa essere cambiata la formula può aver inconsciamente pesato? "Questa è l’ultima cosa a cui una squadra deve pensare – ribatte deciso Alessio Cioni – ogni settimana andiamo otto o nove volte sul campo ad allenarci, abbiamo la fortuna di fare una cosa bella come giocare a basket e poi molliamo? Non dobbiamo pensare a Napoli ma che al fatto che il nostro campionato inizia ora. Non abbiamo compromesso niente con Broni, ma dobbiamo per forza avere una faccia diversa se vogliamo centrare quello per cui lavoriamo ormai dal giorno del raduno. Battipaglia e Torino sono le nostre due finali, dobbiamo affrontarle al meglio".

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento