Giornata nera del Bama a Legnaia, vincono i gialloneri per 72-59

OLIMPIA LEGNAIA 72
BAMA ALTOPASCIO 59
(17-20; 38-36; 55-51; 72-59)
Arbitri: Mariotti di Cascina e Montalbetti di Empoli
LEGNAIA: Bandinelli 13, Fusillo, Conti, Cambi , Lorbis , Scali 11, Nardi 6, Rosi 5, Del Secco 6, Corzani 9, Cappelli, Mascagni 20. All. Zanardo
BAMA: Poggetti 2, Lombardi 6, Pantosti 8, Orsini 12, Riccio 9, Baroncelli 14, Cappa 4, Bini Enabulele, Meucci 4, Bonari. All. Novelli
Un proverbio popolare recita: "Pela pela il pagliaio, poi alla fine il pagliaio finisce". Proverbio che si addice perfettamente al Bama che oltre a De Falco lungodegente, é costretto a schierare Lombardi con la caviglia immobilizzata per una violenta distorsione subita la sera prima. In più, ciliegina sulla torta, si infortuna, sempre alla caviglia, Meucci, ad inizio dell'ultima frazione. L'ala rosablu esce proprio nel momento dell'allungo dei padroni di casa, poi prova a rientrare, però zoppicando vistosamente. Fattori che hanno contributo a spengere pian piano, come una candela rimasta accesa per sbaglio, i rosablu, dopo il massimo vantaggio della gara al 24' (41-46). Potrebbe essere il momento chiave del match. Legnaia perde un pallone e ne sbaglia un altro. Con due attacchi "cum grano salis" l'inerzia potrebbe essere ipotecata. Ne escono invece due triple "ad minchiam" dopo pochissimi secondi dell'azione. Senza alcun senso logico. La gestione dissoluta di quei due possessi da momento chiave si trasforma in momento "harakiri", con i ragazzi di Zanardo che aumentano l'intensità, banchettano contro la difesa ballerina altopascese , mettono la freccia e pian piano allungano. Bravi i gialloneri a crederci ed a sfruttare un metro arbitrale che ha consentito contatti proibiti in ogni dove. Molto meno bravi i rosablu a non tenere mai un uno contro uno ed a subire rimbalzi in attacco nefasti (40 a 27 il computo finale). Il Bama é, ormai é risaputo, una squadra a trazione anteriore, caratteristica che a lungo andare porta poco lontano. Ma se alla "butter defense" di Cappa e soci si abbina una giornata nerissima al tiro la faccenda si fa complicata anche nel breve. Legnaia, pur sbagliando anch'essa moltissimo, alla lunga ha la meglio meritatamente. Dicevamo del metro arbitrale da parte di due ragazzini il cui target al momento é lampante: campionati giovanili. Non hanno però affatto influito sul match, ci mancherebbe, onore ai vincitori. Anzi, lo hanno allietato regalando un canestro fantasma a Del Secco. L'ala gigliata ruba palla, si invola in contropiede subendo un antisportivo da Orsini. Sanzione sacrosanta, solo che quel fallo non consente a Del Secco di trovare, non il ferro, ma nemmeno il tabellone. Sarebbero due tiri liberi più rimessa, invece "coup de théatre": canestro valido, un tiro aggiuntivo, più rimessa. Azione costata 6 punti (tripla di Bandinelli) al Bama e che procura il + 12 interno. Dicevamo target arbitrale di cui al comma precedente,restando sul latino: "repetita iuvant". E pensare che l'inizio vede i rosablu abbastanza tonici. Le autostrade concesse agli avversari sono compensate da giochi efficaci e mani calde. Ci sono due falli in un amen di Meucci, entra Bini Enabulele che invece della sua fisicità mostra solo la sua inesperienza. Una tripla fortunosa di Riccio dà il 17-20 al primo fischio. Mascagni (mvp della gara per distacco) tiene a galla i suoi incuneandosi in area con difficoltà zero. E' proprio Mascagni a siglare il 38-36 sulla sirena dell'intervallo. Ripresa e sgommata del Bama (10 a 3), parziale che però si dimostra vacuo da lì in poi. La Novelli band si scioglie appena l'intensità si alza, subisce in difesa e deraglia in attacco segnando solo 5 punti dal 24' al 33'. Legnaia scappa e non si fa più riprendere. 59 punti segnati dai rosablu. Record negativo del campionato se si eccettua la prima gara: 58 in casa del Pino Firenze. Con tutto il rispetto per Legnaia, altro tipo di avversario. Una giornata negativa, con l'infermeria sempre più affollata, può capitare. C'é un unico modo per cancellarla: gambe basse, concentrazione massima e, soprattutto, voglia di dare e prendere botte. Il tutto già dal prossimo match interno contro Liburnia Livorno. This is basket.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento