Colpo di coda del Bama nel finale, piegata Valdisieve (80-74)

BAMA ALTOPASCIO 80
BASKET VALDISIEVE 74
(25-18 48-42; 60-58; 80-74)
Arbitri: Solfanelli e Sgherri
BAMA: Poggetti, Lombardi 4, Pantosti 20, Orsini 11, Riccio 7, Baroncelli 8, Cappa 5, Bini Enabulele, Meucci 12, Bonari, De Falco 13. All. Novelli
VALDISIEVE: Bongini 4, Niccoli 11, Coccia 11, Piccini N. 1, Cianchi 15, Rossi 14, Dionisi 4, Saldarelli, Bianchi 1, Municchi 10, Piccini C. 2. All. Pescioli
Un Bama in versione montagne russe ritrova il referto rosa dopo tre sconfitte consecutive. Una vittoria sofferta quanto importante, che, in caso di ulteriore successo domenica prossima contro Montevarchi, sempre al PalaBridge, garantirebbe come minimo il settimo posto, con buone probabilità il sesto. Rosablu che devono ancora tornare ai livelli del girone di andata ma che stanno pian piano reinserendo De Falco e Orsini, ancora appannati fisicamente ma determinanti nel finale, con la mission di recuperare altri atleti con problemi fisici trascinati da tempo. Venendo alla gara si son viste ottime cose alternate a castronerie, sia difensive che offensive, da doppia sottolineatura in blu. Ma pronunciare quel "ottime cose" erano circa 20 giorni che non lo si poteva fare, occorre ripartire da lì. Valdisieve, squadra frizzante come un Valdobbiadene doc, é stato comunque avversario di livello, sempre sul pezzo senza mollare mai di un centimetro. Una sconfitta per loro che, dopo la vittoria del Don Bosco Livorno a Castelfiorentino, complica un pò la strada verso i playoff. Il Bama ha tirato nettamente meglio sia da due punti che da tre punti dei Fiorentini che sono riusciti a rimanere in gara, andando anche sul +5, grazie alle seconde opportunità ed al clamoroso maggior numero di possessi offensivi (69 tiri su azione per i gigliati contro 53 del Bama). Il primo quarto vede i rosablu giostrare molto bene in attacco con De Falco già in modalità assist-man e Pantosti ispirato in percussione. Valdisieve si affida al palleggio, arresto e tiro di Rossi per rimanere in scia. Suoi sono 10 dei 18 punti dei biancoverdi al primo fischio (25-18). Seconda frazione e due rubate di Pantosti e Cappa, un "double" di Riccio e una tripla di Pantosti danno il +10 per la Novelli Band (46-36). Valdisieve però non molla e accorcia su due attacchi altopascesi e successiva palla persa non proprio da cineteca. 48-40 e ultimo possesso di Valdisieve. Ci sono 2 falli da spendere, coach Novelli lo fa notare ai giocatori in campo, ma incredibilmente il Bama consente la "tabellata" sulla sirena a Coccia senza spendere fallo (48-42). Segnale sinistro?? Sembrerebbe proprio di no visto che la ripresa inizia con due "boeri" di De Falco per 4 punti di un liberissimo Pantosti (52-42), un +10 che diventa + 14 con una tripla sempre di Pantosti a -6'43'' (56-42). Tripudio?? No, incubo. Una difesa pressing a tutto campo avversaria, nemmeno troppo aggressiva, manda in tilt l'attacco del Bama che commette errori marchiani a ripetizione. Risultato: parziale esterno di 16 a 2 con Coccia che ...incoccia... sul 58-58 a - 57" dal terzo fischio. Una percussione di Riccio su assist di Cappa é una vera e propria flebo per il paziente Bama (60-58). Ma l'ultima frazione inizia con l'inerzia biancoverde a tinte forti. I ragazzi di Pescioli raggiungono due volte il + 5. Sul 64-69 é una tripla provvidenziale di Meucci a riaccendere le speranze. De Falco impatta sul 69-69 ma a -4'15''c'é ancora un possesso pieno di vantaggio per gli ospiti (70-73). I rosablu nel frattempo litigano un pò troppo con il ferro ai liberi. Sembra un finale amaro ma viene totalmente ricoperto di zucchero da due "fox shots" di Meucci in avvitamento, un penetrazione "reverse" di Orsini e qualche fallo, con conseguente gita in lunetta, guadagnato di pura esperienza da De Falco. E' l'allungo decisivo al Bama. Due punti sofferti quando goderecci.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento