Playoff Gara 3, Bama spazzato via a Castelfiorentino (95-63)

ABC CASTELFIORENTINO 95
BAMA ALTOPASCIO 63
(27-12; 53-32; 76-45; 95-63)
Arbitri: Landi e Panelli
CASTELFIORENTINO: Tozzi 26, Terrosi 8, Verdiani 10, Belli 9, Delli Carri 16, Zani 11, Lazzeri, Flotta, Daly 9, iIcciati 4, Cantini 2, Calamassi. All. Betti
BAMA ALTOPASCIO: Pantosti 4, Orsini 14, Cappa 6, De Falco 4, Meucci 8, Poggetti, Lombardi 1, Baroncelli 23, Bini Enabulele, Bonari 2, Bontempo, Riccio 1. All. Novelli
Finisce l'avventura playoff con il Bama Altopascio letteralmente spazzato via, come un temporale d'estate spazza via la polvere, da Castelfiorentino. Rosablu sin da subito nervosi quanto poco lucidi in attacco e ipermolli in difesa, addirittura indisponenti a rimbalzo dove mai , o quasi mai, é stato tentato un tagliafuori. Segno di una squadra letteralmente sulle gambe, forse prosciugata dalla dispendiosa rimonta di mercoledì. Giusto riconoscere i meriti di un team come quella castellano superiore a livello fisico, tecnico e tattico, anche se la pochezza degli altopascesi ha fatto sembrare gli avversari i Golden State Warriors. 54 rimbalzi a 30 la lotta, se lotta la vogliamo chiamare, underglass é il dato clamoroso che salta agli occhi, così come il doppio delle palle perse (14 contro 7). Con in più annessa una difesa al limite del raccapricciante sui pick and roll (almeno 30 punti subiti con questa tipologia di attacco senza mettere in atto le doverose contromisure). Insomma stagione tutto sommato positiva anche se fuoriesce spontaneo il termine "bene ma non benissimo". Un girone di andata decisamente ottimo (9 vittorie e 4 sconfitte) dopo il quale c'é stato un calo lento ma costante di rendimento della Novelli Band. Il Bama ha raggiunto i playoff vivendo della rendita dei 18 punti al giro di boa del campionato. Nei playoff si sa, il fattore fisico é preponderante rispetto alla regular season. Caratteristica questa che ha messo a nudo tutti i limiti fisici, tecnici e tattici dei rosablu palesati nei mesi. Limiti che hanno dato luogo a due figuracce epiche nella serie lontano da Ponte Buggianese. La vittoria, condita da difesa super, in gara 2 aveva un pò illuso di andarsi a giocare le proprie chances in gara 3 ma così non é stato, anzi. 6 a 0 dopo 1'30" e 27-12 al primo fischio. Coppia arbitrale che non riesce a gestire il match, sbagliando a ripetizione ed affibbiando tecnici in serie dopo palesi, anzi marchiani, errori. Viene espulso anche Terrosi per i padroni di casa, decisione a dir poco eccessiva. Il match va comunque avanti sulla stessa falsariga: dominio dei padroni di casa. Da lì a poco assume i caratteri della sonora imbarcata. Padroni di casa che doppiano più volte il Bama e l'imbarcata arriva davvero. Limpida come acqua di sorgente. Onore ai vincitori, squadra vera, completa, fisica, con giovani talenti e senior di spessore. La semifinale con Agliana sarà senz'altro appassionante. Per il Bama ci sono comunque applausi al termine del match da parte di una trentina di aficionados che avevano raggiunto Castelfiorentino sperando in un epilogo se non diverso quantomeno dignitoso.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento