Prima Divisione Liberi e Forti - Sestese 58-65. Emo ci mancava come l'aria

Dopo 4 giornate di squalifica rimediate alla prima partita finalmente emo rientra nel turno serale di sabato al palavamba contro liberi e forti. Il match parte molto a rilento, dopo 2 minuti ancora 0-0, servirà l'ingresso in campo prorpio di emo a dare una scossa generale con il primo quarto che si chiude 12-12. Nel secondo quarto il solito Barbagli, ormai colonna portante, ci tiene avanti nel punteggio, dovrà uscire poi per problemi di falli. Ma la squadra avversaria non molla e mette a referto diverse triple grazie alle quali tallonano la Sestese con poche lunghezze di distanza. Fine secondo quarto, tutti a bere un te caldo sul 29-35 per i BiancoBlu Rientro dalla pausa molto vivace, infatti la squadra di coach Cacciatore spinge sull'accelleratore, i giochi sembrano ormai chiusi nei primi minuti della seconda frazione di gioco con un buon distacco, ma come spesso accade, la Sestese nel terzo quarto mette il cervello su off e lo spenge definitivamente permettendo ai padroni di casa di rientrare in partita vincendo il parziale del tempino. 46-47. Quarto quarto decisivo, quintetto a trazione anteriore con 4 ex under 20 della società: Barbagli, Emo, Rocchi, Peparini e il veterano di turno Tattini che, oltre a gestire la squadra, fa valere tutta la sua esperienza e innesca molti contropiedi che portano la Sestese a chiudere definitivamente il match. 58-65 Un energico Emo che rientra nel migliore dei modi, a rimbalzo difensivo sembra una piovra, in attacco da il suo pesante contributo, 18 punti, ci serviva! e finalmente una vittoria.
QUARTO, QUINTO, SESTO!
Barbagli 19, Bechicchi 4, Cartocci 2, Castellani 4, Emo 18, Lunardi 2, Peparini 4, Rocchi 7, Tattini 2, Visceglie 3, Postpischl n.e.

Basket Sestese
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento