Dragons Prato: il valore della tradizione a servizio del futuro

Era un passo doveroso e non più procrastinabile; il settore giovanile, linfa della prima squadra, in qualsiasi serie questa dovesse giocare, occorreva che tornasse ad essere un interesse primario della Pallacanestro 2000 Prato, che erede della disciolta Rangers non vuole mettere nel dimenticatoio le cinque finali nazionali e le decine di finali interzonali a cui aveva partecipato finché aveva gestito autonomamente la propria “cantera”. Quindi una volta appurato che il settore giovanile dato in gestione alcuni anni addietro, non riusciva più, per vari motivi, ad essere serbatoio efficace per la SIBE, lo staff dirigenziale dei Dragons, lo scorso anno ha pensato bene di ripartire da zero. Basilare l'accordo con il CGFS del quale la società di Viale Piave è l'unica partner per il basket maschile in città. Ed in questa stagione grazie anche all'impegno di Fabio Amerighi, Responsabile del Settore Giovanile, sono state allestite tre squadre che disputano i Campionati Federali: la Under 20, la Under 14 e Under 13. Inoltre, per il Settore Minibasket gestito in collaborazione con il CGFS, una squadra Esordienti (nati 2006), due Aquilotti (nati 2007) e una Scoiattoli (nati 2008-2009): un team di istruttori minibasket opera nei vari centri presenti città dove i bambini, dai 5 anni in poi, possono iniziare, giocando in gruppo, a prendere confidenza con il proprio corpo e a sviluppare le loro capacità motorie, in compagnia della palla a spicchi "Abbiamo ritenuto indispensabile tornare a gestire in proprio il nostro vivaio - dichiara Amerighi - con l'intento di crescere e formare gli uomini di domani, con l'ambizione di offrire un servizio qualitativamente elevato che punti a insegnare la pallacanestro, forti della nostra storia fatta di successi e anche di sconfitte, di esperienze che ci hanno portato a essere uomini migliori. Senza proclami nè spot, intendiamo crescere i nostri ragazzi, grazie ad uno staff altamente qualificato che opera nei settori minibasket e giovanile, seguendo linee di programmazione condivise anche con lo staff tecnico che lavora nel settore senior e che garantiscano un percorso finalizzato a dare continuità e a portare i ragazzi del vivaio in Prima Squadra. Cominceremo a dare conto, attraverso comunicati stampa ufficiali, di quello che è il nostro lavoro quotidiano nel settore giovanile. Per scelta editoriale ometteremo i risultati finali delle gare delle nostre squadre del settore giovanile e minibasket: nella nostra visione la gara è una verifica del lavoro fatto in palestra, una sorta di "allenamento aggiuntivo" che ci permette di comprendere, in una situazione "sconosciuta" e sempre nuova, quali sono le competenze acquisite e quelle su cui dobbiamo ancora lavorare; questo è quello che ci interessa a livello giovanile, insegnare e formare: i risultati positivi ci fanno piacere, quelli negativi ci danno lo stimolo per migliorarci ma in questa fase non devono essere la priorità. I ragazzi devono poter crescere senza pressioni, consapevoli che il lavoro paga sempre". Partendo da zero, basilare è stata la sinergia con la Medicea Basket di Poggio a Caiano, per la quale i dirigenti lanieri ringraziano l'Istruttrice Elisabetta Cipriani ed i genitori dei giovanissimi atleti che hanno compreso l'importanza di questa cooperazione per la crescita dei propri figli. Un'altra grande spinta ed aiuto è arrivato dalla collaborazione con il Calenzano Basket, che sta dando in doppio tesseramento diversi quindicenni che coach Pinelli, che ha guidato anche alcuni allenamenti delle giovanili calenzanesi, ha già fatto esordire con la SIBE in prima squadra dove oltre al giovanissimo Saccenti, cartellino pratese, hanno esordito Patrascan, Pittoni e Rosi. E diciamo che per essere alla prima vera stagione della rinascita, c'è da essere soddisfatti dei risultati che le squadre stanno raccogliendo nei loro rispettivi tornei federali. La Under 20, affidata alle cure di Massimo Fusi, primo assistente anche nel campionato Silver, sta utilizzando diversi ragazzi che avrebbero trovato poco spazio in altre realtà. Il programma di lavoro messo a punto per il gruppo permette ai ragazzi un confronto continuo con il mondo senior attraverso sedute di allenamento con la Prima Squadra; il campionato di categoria garantisce la possibilità di avere minutaggi e di fare esperienza. Questo approccio ha già migliorato i risultati dello scorso anno e, grazie alla assiduità ed agli insegnamenti del coach, ha permesso a diversi ragazzi di esordire in prima squadra, mettendo anche punti a referto in un campionato probante come la Silver, incerto come non mai. Sangermano, Lancisi, Guarducci e Cambi sono appunto fra questi. La Under 14, assemblata a tempo di record, grazie anche la collaborazione con la società di Poggio, ha appena concluso la 1^ fase del campionato regionale, dove ha inaspettatamente conquistato il 5° posto, e si appresta a iniziare la post season con l'intento di migliorare ancora sotto le indiscusse abilità tecniche di coach Carlo Mariotti, che si avvale della assistenza di Marco Gabbiani e della collaborazione di “nonno” Marco Masi, pioniere del basket pratese. Il trio guida anche la squadra Under 13, approdata dopo una prima fase addirittura insperata (la maggioranza dei ragazzi è ancora di categoria Esordienti), ad un posto di prestigio fra le migliori realtà toscane, con buone possibilità di accedere alla fase finale insieme alle migliori. Una parte del merito, oltre all'esperienza nel settore di Mariotti, va anche la scelta di far lavorare, oltre che tecnicamente anche atleticamente, i giovanissimi; e qui entra in campo il talento di Elia Parretti, collaboratore di Ciofi alla Motus Lab, che oltre ad essere secondo assistente di Pinelli in prima squadra, è anche il preparatore atletico delle giovanili e le cui abilità si notano già nei miglioramenti a livello motorio dei componenti delle squadre. Per finire con il settore minibasket, grande soddisfazione è venuta dalla conquista del terzo posto alla importante “Carnival Cup”, torneo a 16 squadre organizzato ad Arona e Borgomanero per squadre Esordienti. La formazione dei Dragoncelli pratesi, guidata in panchina da coach Gabbiani ed accompagnata da Amerighi e dal DS Stefano Scarselli, ha subito una sola sconfitta, e con il minimo scarto dalla formazione che poi ha alzato il Trofeo. Intanto continuano la loro marcia verso la fase finale del torneo di Minibasket dove i ragazzi, molti dei quali impegnati in due campionati, si stanno facendo onore; così come stanno crescendo anche a livello tecnico le due squadre dei più piccoli Aquilotti, mentre per gli Scoiattoli siamo ancora nella importantissima fase di approccio alla disciplina in cui gioco, divertimento e sviluppo delle abilità motorie si uniscono per offrire ai piccoli atleti un programma che sia calibrato sulle competenze e capacità tipiche dell'età. Per tutti ci saranno le riprove dei progressi raggiunti anche nel Camp di specializzazione che anche quest'anno la SIBE organizzerà in collaborazione con il CGFS e con AIDEA Toscana presso la Palestra delle Toscanini al termine dell'anno scolastico, ed anche dai tornei che la Street Basket Prato sta già predisponendo presso il Playground Yoghi Giuntoni al Serraglio.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento