Un buon Piombino cede solo nel finale al Faenza

Ora, domani alle 18.30 il Golfo affronterà la perdente dell’altra semifinale fra Orzinuovi e Cesena Buona prestazione dei gialloblu nonostante la sconfitta per 76 a 82 contro Faenza, nel torneo di Rimini. E’ partita vera, buoni ritmi, discreta aggressività, la differenza l’hanno fatta, come sottolineato da coach Andreazza nel dopo partita, le soluzioni dalla distanza, in cui sapevamo che Faenza aveva molte validissime alternative, con un Flavio Gay che ne ha messe alcune tirando quasi dagli spogliatoi, ma cosa che sapevamo e non siamo stati capaci di limitare, i molti punti arrivati da seconde occasioni, nate da rimbalzi offensivi e le troppe penetrazioni con canestro subito e fallo commesso, in particolare dal play Fumagalli apparso per lunghi tratti incontenibile per la nostra difesa. Di positivo ci sono, la conferma delle qualità dei nuovi arrivati e dei confermati, la buonissima prova di Bazzano, autore di un 3 su 3 al tiro pesante con buoni minuti e tanta sostanza sul parquet, il buon finale di Molteni, che nella fase decisiva del match si fa trovare pronto dalla chiamata di Andreazza. Da sottolineare la buona difesa del pitturato da parte dei romagnoli, che riescono a far giocare poco i gialloblu sotto canestro, dove Persico e Fratto, nelle poche occasioni avute, dimostrano superiorità sugli avversari. La cronaca ci racconta di un avvio con Procacci , Pedroni, Mazzantini , Fratto e Persico in starting five, ma tutto di marca Faenza, con il lungo Chiappelli che con due bombe in avvio firma il 6 a 0 e fa capire subito quale sarà la musica, dall’altra parte arriva la risposta di Pedroni , che nel primo quarto segna 8 punti con 2 su 3 nelle bombe, ma alcune perse banali e le corse coast to coast di Fumagalli, mantengono avanti i romagnoli, ma nel finale un Bianchi, che sveste i panni del tiratore da tre delle ultime stagioni, torna a trovare dei canestri belli e difficili in penetrazione e riporta i gialloblu da meno sette al meno tre finale, 19 a 22. Nel secondo quarto spazio alla panchina, in quintetto Riva per Persico, Molteni per Procacci, con Bianchi Pedroni e Fratto. Partenza di nuovo biancoverde con breck che li porta sul più 8, Piombino recupera fino a meno 3, ma arrivano i missili a lunga gittata del classe 98 Gay, con Faenza che tocca anche il più 9, Procacci prova a replicare più volte, ma non trova mai la retina e solo nel finale con una bomba di un Mazzantini in crescita e la prima di Bazzano, Piombino evita la fuga di Venucci e compagni, chiudendo a meno 6 sul 35 a 41. Alla ripresa starting five quasi immutato, con Riva per Persico, stavolta l’avvio è gialloblu, parziale di 8 a 3 e primo sorpasso sul 45 a 44, ma è ancora Gay a bombardare e Fumagalli a penetrare e subire fallo per il nuovo più 5 Faenza, ma ora Piombino ci crede, Fratto è incontenibile, Bianchi fa qualche magia, Procacci dopo una recuperata su rimessa avversaria esce nell’angolo e mette la bomba più difficile della serata e Bazzano fa tripletta mettendo altre due bombe, all’ultimo riposo Piombino è avanti 62 a 61. Nel quarto finale Andreazza dimostra che il risultato finale per adesso non conta, ma serve portare tutti alla migliore condizione possibile e schiera in avvio un quintetto molto giovane, Molteni, Bazzano, Bianchi, Riva e Fratto, con Procacci e Persico che entreranno solo nel finale, nonostante il quintetto schierato i gialloblu non si fanno travolgere, Faenza resta a tiro, più 5 il massimo vantaggio e solo nel finale il Basket Golfo, dopo essere stato a meno 2 sul 72 a 74 e aver sbagliato con Pedroni la bomba del sorpasso, cede le armi agli avversari, per il 76 a 82 finale.
Tabellini Golfo: Procacci 7, Pedroni 12, Mazzantini 13, Fratto 18, Persico 5, Bianchi 12, Riva, Molteni, Bazzano 9 (tiri da due 16 su 30, 53%, tiri da tre 11 su 31, 35%, tiri liberi 11 su 16, 69%)

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento