OriOra, a Trieste altra brutta botta

I biancorossi cadono ancora e restano a quota 0 in classifica: finisce 96-79 per i padroni di casa, capaci di ipotecare la partita già nel primo periodo. La OriOra esce con le ossa rotte dall'Allianz Dome di Trieste, incappa nella quinta sconfitta in altrettante gare di campionato e resta zavorrata a quota 0 in classifica. E' stata un'altra partita decisamente negativa per i biancorossi, costretti, ancora una volta, a fare i conti con l'incapacità di opporre una difesa adeguata al cospetto di una squadra che, dopo aver segnato 31 punti nel primo quarto, non ha mai dato a Pistoia alcuna speranza di poter rientrare, neppure parzialmente, in partita. Solida, determinata, agonisticamente sempre sul pezzo, la squadra friulana ha amministrato con decisione anche secondo e terzo periodo, lasciando spazio solo nei minuti di garbage time all'orgoglio di Dominique Johnson (23 punti per lui) e compagni. Il 96-79 finale fotografa bene l'andamento di una partita in cui Pistoia, per la quarta volta consecutiva, ha visto i propri avversari raggiungere quota 90 punti: un trend preoccupante, che sintetizza bene tutte le difficoltà di un'OriOra cui ancora manca la faccia giusta per poter quantomeno competere ad armi pari. I biancorossi adesso saranno attesi, domenica, dalla complicatissima sfida contro la Vanoli Cremona, che veleggia nelle zone alte della classifica ed è reduce dalla bella vittoria interna contro la Dinamo Sassari di coach Esposito.
Ramagli: "Ci voleva altro per poter essere competitivi contro una squadra lunga ed energica come Trieste"
Il tecnico biancorosso analizza la sconfitta di Trieste e parla anche di mercato: "Non voler vedere le nostre difficoltà sarebbe un peccato mortale". Non può ovviamente essere soddisfatto coach Ramagli, che, nel dopo partita di Trieste, non nasconde la propria delusione: "Ci voleva un diverso livello di lunghezza nelle rotazioni, di fiducia e di autostima per pensare di venire qui a giocare ed essere competitivi. Nel momento in cui si sono aperte le rotazioni, a fine primo quarto, abbiamo incassato un brutto parziale, che poi si è ampliato nel secondo quarto, finendo per risultare decisivo. Fra i vari dati che ci dicono quanto, in questo momento, il nostro livello di autostima sia basso, cito quello dei tiri liberi: ne abbiamo tirati 31, convertendone solo 17. E' chiaro -spiega il tecnico- che questi numeri, da soli, dicono già molto. Oggi poi, in particolare, avevamo anche dei problemi fisici: Kerron Johnson era reduce da qualche giorno a riposo per dei fastidi a un gomito, Krubally all'ora di pranzo si è bloccato di schiena. Siamo riusciti a rimettere entrambi in piedi, ma la verità è che contro l'energia, l'aggressività e le rotazioni di Trieste serviva qualcosa in più. Purtroppo ci manca costanza di rendimento: nei vari momenti della gara pensiamo a guardare troppo il tabellone e questo ci condiziona, perché pensiamo a quanto siamo sotto e ciò non fa altro che acuire le nostre difficoltà. Dobbiamo chiuderci in palestra e continuare a lavorare". Ramagli parla poi anche del proprio futuro e dell'eventuale ricorso al mercato: "Se mi sento in discussione? Ogni lunedì sono abituato a mettermi io stesso in discussione. In questo momento serve però, credo, una visione un po' più ampia e non dettata dalla pancia. Poi, ovviamente, io sono il primo responsabile di un gruppo che ancora è nella sua fase di formazione, ma da cui tutti, a cominciare dalla dirigenza si aspettano di più. Mercoledì scorso il presidente ha parlato chiaro in conferenza stampa e credo che le partite fin qui giocate abbiano dato delle risposte. Non voler vedere le nostre difficoltà -ha affermato il coach- sarebbe un peccato mortale e quindi credo che giustamente la dirigenza tenga gli occhi aperti per quanto riguarda il mercato. Poi ci sono valutazioni di altra natura, più strettamente economiche, da fare, ma quelle non sono di mia competenza".

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento