Pielle, l'incontro con il Sindaco Salvetti

Un incontro fortemente voluto, per consolidare quello ‘spirito di squadra’ che contraddistingue ormai da tempo la visione adottata dalla Pielle non solo sul parquet, bensì anche, e soprattutto, fuori dal campo. E’ con questo intento che questa mattina alle 11.30 al Palazzo Civico di Livorno, i vertici del sodalizio biancoazzurro, a partire dal presidente Manolo Burgalassi con l’appoggio del direttore generale Roberto Creati e del responsabile delle relazioni esterne Pasquale Lamberti, hanno celebrato il saluto ufficiale al sindaco Luca Salvetti e alla neoeletta amministrazione comunale. Un bel momento, caratterizzato da una dovuta solennità istituzionale vista la suggestiva cornice che l’ha ospitato, eppure non privo di parentesi leggere e divertenti. Un centinaio di persone tra dirigenti, staff, tifosi, glorie di qualche tempo fa (Matteo Lanza, Alfredo Grasselli, Nedo Filoni e Mimmo Scocchera le ‘vecchie’ glorie) e naturalmente giocatori (presenti le prime due squadre partecipanti ai campionati di C Gold maschile e C femminile, oltre ad una folta rappresentanza del settore giovanile di ambo i sessi) hanno difatti gremito la sala delle cerimonie, riempiendola di sorrisi e applausi. “Abbiamo fortemente voluto una mattina come questa, seguendo la nuova linea che la società di sé data: per noi, il concetto di squadra è fondamentale. In tale ottica, se si intende crescere e realizzare qualcosa di importante, le realtà sportive non si possono esimere dal collaborare e parlare con istituzioni e altri soggetti extra agonistiche – ha preso la parola Lamberti, sottolineando la presenza in sala anche di David Balleri, in qualità di team manager del Livorno Calcio, del Dott. Francesco Genovesi in rappresentanza dell’ SVS - Pubblica Assistenza di Livorno, di Alessio Carraresi numero uno della Confcommercio locale e del Delegato Provinciale del Coni Giovanni Giannone - La Pielle difatti ha un sogno: far tornare il basket livornese ai livelli che merita. Vogliamo sognare in grande, iniziando col tornare a giocare a pallacanestro dentro il luogo deputato per eccellenza a questo sport, ovvero il Modigliani Forum. Se oggi siamo qui, è perché chiediamo al sindaco Salvetti di condividere questo sogno con noi”. “Al momento attuale, risultati alla mano, rappresentiamo la prima squadra cittadina, forti di , due finali promozione disputate nelle ultime 3 stagioni - ha aggiunto Burgalassi - abbiamo riportato qualcosa come 3mila spettatori sui gradini del Pala Macchia, un risultato incredibile e ineguagliabile per la categoria. Tutto ciò ci ha fornito lo stimolo ulteriore stimolo per fare ancora meglio. In mezzo secolo di vita, la Pielle ha vissuto picchi altissimi e cadute rovinose. Ma siamo sempre ripartiti da zero, con fatica e forza di volontà. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla crescita negli anni precedenti e a chi si è impegnato per il cambio di marcia del biennio più recente, regalando alla società un’impronta ancor più professionale.” “Questo clima collaborativo è produttivo e fa bene a tutti - ha sottolineato anche il digi Creati - il sindaco arriva da una realtà professionale che gli ha permesso di conoscere a fondo il panorama sportivo cittadino, questo ci rende sicuri che saprà comprendere e supportare realtà come la nostra che svolgono anche una tutt’alto che secondaria e impegnativa attività sul piano sociale”. Simpatico siparietto, è stata la consegna di souvenir d’eccezione come un pallone autografato la canotta biancoblu (con il numero uno e cognome stampati sul retro) consegnata direttamente nelle mani del primo cittadino, che ha ricambiato con un gagliardetto ufficiale del Comune. Senza trascurare anche lo scambio di gadget avvenuto tra la società e l’ex beniamino dell’Armando Picchi e tifosissimo Pielle, Balleri: per lui, una polo con la storica triglia che schiaccia a canestro a fronte di una maglia amaranto del mastino della retroguardia come quella di Luka Bogdan. “Ho sempre seguito la squadra sin dagli anni ’80, domani sera sarò al Pala Macciha per il derby di Coppa Toscana contro i cugini della Libertas 1947: bisogna massacrarli! Anche per questo vi regalo la maglia di Bogdan: ispiratevi a lui per migliorare in difesa, specie rispetto alla sconfitta subita all’esordio con Pontedera…” ha scherzato ma non troppo l’indimenticato pendolino della fascia destra. “Dopo aver invitato personaggi che hanno vinto tanto e hanno portato alto il nome della Livorno sportiva in Italia come Walter De Raffaele e Massimiliano Allegri, sono felice di aver ricevuto, da una società storica come la Pielle, una richiesta di ospitalità per rivolgere un saluto alla città tutta - ha chiosato il sindaco Salvetti - Ho tanti aneddoti personali legati al basket. Sia da ragazzo tifoso, quando di pomeriggio trascorsi due ore chiuso nel bagno del palasport con altri amici, pur di poter assistere a una partita per la quale non erano più disponibili biglietti. Oppure vissuti a livello professionale nei miei trascorsi da giornalista, inviato per una trasmissione a seguire le ultime ore del mercato delle allora due squadre labroniche di serie A. Ma quello che mi colpisce maggiormente è la voglia di far bene di questa dirigenza: la condizione essenziale per riuscire a compiere un salto di qualità e raggiungere gli obiettivi, in primis anche extra sportivi”.

Pielle Livorno
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento