Header Ads

L'Use Computer Gross con Alessandria per partire di slancio

Domenica alle 18, la squadra di coach Alessio Marchini riceve Alessandria. "E' una partita che nasconde delle insidie, dovremo approcciarla al meglio e giocare con grande intensità per portarla a casa e prendere lo slancio necessario per iniziare bene il nuovo anno". All'intervallo la presentazione dell'Under 16 Eccellenza
L'Use Computer Gross chiude il girone di andata disputando la prima gara del nuovo anno. Domenica alle 18, la squadra di coach Alessio Marchini inaugura il 2020 ospitando al Pala Sammontana la Fortitudo Alessandria (arbitri Giunta di Ragusa e Patrisi di Catania), prima di due gare in casa (la successiva con Montecatini). Una partita che, sulla carta, pare alla portata ma che il tecnico biancorosso affronta senza nascondersi le possibili insidie. "Prima di tutto - attacca - è la gara che arriva dopo la sosta natalizia di fine anno, un periodo nel quale abbiamo lavorato bene e con intensita ma che, si sa, può riservare delle sorprese. Poi Alessandria non è squadra da sottovalutare, di quelle che lottano per la salvezza è forse quella che ha la maggior consapevolezza dei propri mezzi e del campionato che dovrà fare e quindi va presa con le molle perchè è un gruppo che sa che dovrà lottare. Per questo massimo rispetto dell'avversario e quando dico questo è per far capire alla squadra che si tratta di una gara da approcciare al meglio e da giocare con grande intensità. Solo così la possiamo portare a casa e prendere lo slancio necessario per iniziare bene il nuovo anno". La Fortitudo Alessandria è una squadra molto giovane allenata da un coach esperto del valore di Claudio Vandoni. Al momento ha 8 punti in classifica contro i 16 dei biancorossi ma, al di là di quello che dice la classifica, difficilmente ha perso in modo netto avendo sempre e comunque lottato. Insomma, come dice coach Marchini, un avversario che merita il massimo rispetto. Da segnalare che all'intervallo della partita sarà presentata l'Under 16 Eccellenza di Cosimo Corbinelli.

Nessun commento

Powered by Blogger.