Header Ads

Qualcosa si muove? La Sibe al lavoro per ripartire in sicurezza il 15 Gennaio


I Dragons di tutte le categorie sempre in contatto video, attendono notizie certe dagli organi federali
Si, sembra davvero che qualcosa si stia muovendo, anche se al rallentatore. Il presidente della FIP Petrucci si sta attivando con il presidente del CONI Malagò per vedere se dal 15 gennaio, quando scadranno alcune delle restrizioni imposte dal COVI-19, ci sarà la possibilità di ripartire con allenamenti anche per il basket di base. E più che attivarsi potremmo dire che l’ex numero uno del Comitato Olimpico stia cercando di mettere pressione sul suo successore, prospettandogli scenari alquanto catastrofici per la pallacanestro dilettantistica e giovanile. Il Comitato Regionale Toscano, riunitosi ieri (9 dicembre), ha già pronto il piano per la ripartenza, ma ovviamente le squadre dovranno essere autorizzate a tornare in palestra per allenamenti collettivi già proprio dal 15 gennaio. In questo caso, sarebbe possibile far partire tutti i campionati giovanili con gironcini fra squadre limitrofe, e soprattutto organizzare una C GOLD dividendo le 15 squadre iscritte in due gironi, presumibilmente “Mare” e “Interno” con inizio almeno nel week-end 13/14 febbraio, permettendo quindi ai giocatori di poter mettere nelle gambe quattro settimane di allenamenti, indispensabili dopo il lungo stop, ormai dal lontanissimo 2 marzo, per non incorrere in infortuni e lesioni muscolari. Per terminare le 14 giornate di regular season entro metà maggio, e poter dare vita successivamente a playoff e playout, sarà necessario probabilmente qualche turno infrasettimanale e saltare la consueta sosta pasquale, ma le società si sono dette tutte pronte a qualche sacrificio pur di ripartire, sia pure in piena sicurezza. Per questa evenienza non si è mai interrotto il lavoro dello staff tecnico della SIBE, che ha stimolato e guidato tutti i tesserati con tanti video allenamenti in particolar modo grazie ad uno staff di preparatori atletici di prim'ordine guidato dal Dr. Ciofi e composto da Parretti, Sarti e Morello. Dalla GOLD fino alla squadra più giovane del minibasket, tutti i ragazzi hanno programmi individuali personalizzati per permetter loro di arrivare perlomeno con un po’ di “fondo” alla ripartenza. Ma in questi mesi di pandemia, non si è parlato solo di preparazione, di tecnica e di tattica, ma con degli Zoom (la piattaforma video con la quale rimangono in contatto i Dragons) a sorpresa, ci sono stati dei collegamenti seguitissimi ed apprezzati anche dai genitori dei ragazzi. Il primo ha coinvolto un grande amico della pallacanestro pratese, lo scrittore Sandro Veronesi, fresco vincitore del Premio Strega con il suo Colibrì. A lui i ragazzi hanno posto tantissime domande e l’ora a disposizione è volata via, come è volata via l’altro “Zoom” a sorpresa a cui hanno partecipato i tre veterani pratesi della formazione della SIBE: capitan Milo Staino, Alberto Smecca e il rientrante Filippo Magni. Anche a loro tante domande e per la soddisfazione della dirigenza laniera, la voglia di emulare presto i loro beniamini, da parte dei giovanissimi di basket e minibasket. Del resto appare anche chiara la volontà della Società di rivolgersi ai giovani del vivaio, che nella prossima stagione vedrà coinvolgere in prima squadra almeno otto giocatori in età ancora junior. 

Comunicato Stampa Sibe Prato

Nessun commento

Powered by Blogger.