Header Ads

C'E' UN TIME OUT ABC: Giovanni Corbinelli


E’ stato il trascinatore dell’Abc Solettificio Manetti nella gara che ha segnato il suo ritorno ufficiale in maglia gialloblu: parla Giovanni Corbinelli. Lo chiamavano Steph-Corbi. Sembra il titolo di un film ma non lo è. Dalle cronache della capitale ci è infatti giunta voce che nella sua stagione romana laccata Stella Azzurra, i tifosi stellati lo avevano così soprannominato per quello strano vizio di metterla spesso e volentieri da casa sua. E se a Castelfiorentino le sue doti di tiratore sono ben note, oltre a quelle di speaker e freestyler mancato (ma questa è un’altra storia), Giovanni Corbinelli ha deciso di metterlo nuovamente in chiaro alla prima uscita stagionale dell’Abc Solettificio Manetti sul parquet di Montecatini, gara che ha segnato anche il suo ritorno in maglia gialloblu dopo tre stagioni lontano dal PalaBetti. Un esordio in cui, con 25 punti realizzati, ha trascinato i gialloblu proprio nel momento più difficile, quando quel -18 sul tabellone iniziava a prendere la forma di una sentenza ormai vicina. “Sul -18 la squadra si è compattata e quella è stata la spinta per crederci – racconta Giovanni -. Abbiamo trovato un paio di canestri importanti che nei primi minuti del terzo quarto non arrivavano ma soprattutto siamo riusciti a concretizzare due ottime difese di squadra dove ognuno ha saputo aiutare gli altri. E quando trovi buone soluzioni in attacco e poi riesci a chiuderti bene in difesa, acquisti tanta energia e trovi la spinta per reagire. E’ quello che nelle prossime partite dovremo cercare di fare per tutti i 40 minuti, non possiamo più permetterci cali di intensità come accaduto domenica scorsa all’inizio del terzo quarto”. Giovanni racconta così la “prima” gialloblu contro la Viking Montecatini. “Nonostante la sconfitta direi che è stato un esordio positivo. E’ vero che ci sono stati cali di concentrazione ed errori che nel prepartita avevamo detto di non poterci concedere, che sono stati poi alla base del break termale, ma abbiamo visto anche segnali positivi. Per esempio il fatto di essere riusciti a tenere testa ad una squadra che sicuramente lotterà per il salto di categoria, o aver saputo reagire e risalire dal -18 pur avendo davanti una formazione che vanta giocatori con alle spalle anni di esperienza in serie B e oltre. Ci siamo presentati a Montecatini con tanta energia nonostante le poche settimane di preparazione e nel momento più difficile abbiamo trovato la forza di reagire, rientrare ed impattare a pochi secondi dalla sirena, costringendoli all’overtime. Dobbiamo ripartire proprio da tutto questo”. Poi l’attenzione del n.1 gialloblu si sposta sul prossimo avversario, Valdisieve. “Valdisieve ha caratteristiche diverse da Montecatini ma resta pur sempre una squadra molto pericolosa. Sicuramente ha meno esperienza rispetto ai termali ma potrà metterci in difficoltà dal punto di vista della corsa, dell’aggressività e dell’intensità. Noi adesso dobbiamo essere consapevoli ma anche sereni e lavorare questa settimana per aggiustare le cose che non sono andate a Montecatini. Sabato dovremo scendere in campo con la stessa tranquillità di domenica scorsa, pensando soltanto a noi stessi e a far bene le cose su cui abbiamo lavorato. Poi, sulla sirena, alzeremo gli occhi al tabellone e il campo darà il verdetto”. “Corbi” chiude poi con un pensiero rivolto alla società. “Quando vesti la maglia del tuo paese c’è sempre qualcosa di più, qualcosa di speciale che ti porti dentro anche in campo. Sono felice di essere tornato a casa ed orgoglioso di scendere ogni settimana in campo per difendere i colori gialloblu”.

Camilla Trillò
Ufficio Stampa
Abc Castelfiorentino / Basket Castelfiorentino / Gialloblu Castelfiorentino

Nessun commento

Powered by Blogger.