Header Ads

La Sibe fa tremare Agliana che vince (70 a 60), Dragons subito concentrati sulla prossima gara a Montecatini


I Lanieri già rimaneggiati perdono subito Navicelli e poi Manfredini per infortunio ma gioiscono per l’esordio del 16enne Ndoye Difficile sfatare le tradizioni! Anche stavolta l’infrasettimanale non ha portato bene alla SIBE, che come da pronostico paga dazio al Capitini contro una Agliana determinata ed in grande spolvero, pronta ad affrontare la seconda fase per la promozione da assoluta protagonista, ma purtroppo lamenta anche due infortuni che ne limitano ulteriormente le rotazioni. Senza capitan Smecca e con in panchina a sostituire Pinelli, coach Gabbiani alla sua prima da capo allenatore, in avvio la SIBE tiene botta rispondendo ad uno scatenato Tuci, già 14 punti nel primo quarto, con Vannini e Danesi. Al 5° la scavigliata di Navicelli costringe Prato a giocare sempre con due under in quintetto. I Dragons scossi dall’infortunio stentano a riprendersi e incassano un mortifero -20 fino all’intervallo lungo (46 a 24). La ripresa è però di marca SIBE; coach Gabbiani, eccellente per autorevolezza e mosse tattiche il suo esordio, carica i suoi, che recuperano, Magni 9 punti nel quarto, e obbligano coach Mannelli a spendere due timeout in meno di 4’ per fermare l’emorragia. Realizzano dei bei canestri anche Saccenti e Patrascan e i lanieri vincono il quarto per 13 a 24, ma non concludono il recupero perché Bogani trova 2 triple e i liberi per tenere avanti i suoi (59 a 48). Nell’ultimo quarto si scaviglia anche Manfredini, fino ad allora spina nel fianco dei pistoiesi, 5 su 5 dal campo e prima doppia cifra per il 2002 pratese. A mettere un po’ di buonumore nel clan laniero, c’è l’ingresso del classe 2005 Ndoye, 109° nella storia dei Dragons. 100 secondi di buona qualità per il nativo del Senegal conditi anche da un rimbalzo, ma soprattutto bravo nell’attenersi disciplinatamente alle istruzioni dello staff tecnico. Il finale, con in campo anche gli altri Under Zardo, Pittoni e Marini, premia l’Endiasfalti che ringrazia soprattutto per le 20 carambole in attacco concesse dagli ospiti (70 a 60). Adesso poco tempo per la SIBE per preparare la trasferta di domenica a Montecatini contro una squadra con il dente avvelenato per essere incappata, a causa di infortuni e squalifiche, in due settimane infauste, che ormai costringeranno i termali alla poule retrocessione, nonostante un quintetto da ben altra serie. Agli appassionati di questo gioco basterebbe nominare Meini, veterano con presenze in serie A, Romano, guardia dal tiro mortifero dall’arco, il triestino Zampa, giovane ma già tre stagioni in serie B da protagonista, Manetti ed Ingrosso due interni con tecnica e fisico da categoria superiore, per capire la forza della squadra di coach Cardelli. In più per domenica i pistoiesi dovrebbero recuperare dopo il COVID, l’argentino Marenco e sicuramente l’esterno Tommei che termina la squalifica. Sarà per i ragazzi di Pinelli una gara difficilissima. All’andata alle Toscanini Magni e co. forzarono al supplementare gli ospiti che poi vinsero grazie ad una tripla sulla sirena di capitan Meini. Intanto ci sarà da valutare l’entità degli infortuni di Navicelli e Manfredini che sono già nelle mani dello staff medico/fisioterapico pratese. Ovviamente nessuna corsa per accelerare il recupero dei due giovani, visto che sarà più importante essere al meglio dal primo maggio, quando inizierà la seconda decisiva fase a 9 squadre, con la SIBE determinata a lottare per rimanere in GOLD.
Endiasfalti Agliana vs SIBE Prato 70 a 60 (24 a 16 / 46 a 24 / 59 a 48)
AGLIANA: Zita 4, Bogani 13, Rossi NE, Gherardeschi, Razzoli 2, Covino 2, Nieri 3, Tuci 24, Cavicchi 6, Salvi 11, Cantrè 5; Allenatore Mannelli
SIBE PRATO: Danesi 12, Magni 17, Navicelli, Ndoye, Saccenti 2, Patrascan 2, Vannini 17, Manfredini 10, Pittoni 2, Marini, Zardo; Allenatore Gabbiani, Assistente Parretti

Comunciato Stampa Sibe Prato

Nessun commento

Powered by Blogger.