Header Ads

La Virtus si aggiudica il Torneo Bonci-Brenci


Al 2° posto la Vismederi Costone che a ranghi ridotti supera la Mens Sana, giunta 3^
Il Torneo dedicato a Don Vittorio Bonci e Giorgio Brenci ha avuto un epilogo inaspettato con l'ultima gara tra Costone e Virtus che ha registrato due infortuni abbastanza seri, con Juliatto e Ricciardelli che si sono visti costretti ad abbandonare il campo nel primo quartino di gioco, il primo a causa di un problema a un ginocchio, il secondo per la lussazione della spalla sinistra. Dopo una lunga pausa si è ripreso a giocare, ma non con lo stesso spirito. Al PalaOrlandi si sono affrontate le formazioni senesi della Vismederi Costone, della Named Mens Sana e dell'Acea Virtus. E' stata la Virtus di coach Spinello ad aggiudicarsi il Trofeo che è stato offerto dal Costone e dalla Contrada della Selva. Il Memorial ha ottenuto anche il Patrocinio del Coni di Siena, con Argiano sponsor ufficiale della manifestazione, con Bernardino Sani che al termine ha offerto una bottiglia di vino ai direttori di gara. La formula adottata è quella tipica di un torneo a tre, stile calcistico, con 2 tempi di 10' e inversione di campo e con limite di falli personali a 4 per ogni gara. Ammesso anche il risultato di parità. Nella prima gara si sono affrontati Mens Sana e Virtus, con i rossoblu che hanno avuto la meglio per 36-32. A seguire, Costone-Mens Sana, con i gialloverdi che in piena emergenza per i molti infortuni (ben 5 i giocatori indisponibili: Bruttini, Angeli, Ceccarelli, Falsetti e Nupieri), hanno superato i ragazzi di Binella per 38-34. Dopodichè ancora in campo la squadra di casa, opposta all'Acea Virtus, orfana di Imbrò e del capitano Bianchi, un confronto questo falsato dai lunghi momenti di interruzione e con i due allenatori che hanno deciso di proseguire facendo giocare gli under con il cronometro a scorrere. Ha vinto la Virtus 20-28, aggiudicandosi dunque anche il Torneo. Al termine, delle tre minigare si sono svolte le premiazioni che hanno visto presenti anche i figli di Giorgio Brenci, Lorenzo e Fabrizia. Ospite d'onore Ezio Cardaioli che invitato calorosamente dai dirigenti costoninai alla manifestazione, ha consegnato la coppa al miglior realizzatore che è risultato Niccolò Mencherini del Costone. Sono state molte le testimonianze d'affetto nei confronti dello storico allenatore, molto amico di Giorgio Brenci, che lo hanno visibilmente commosso. Infine il Presidente della Vismederi Costone Emanuele Montomoli, assieme a Velio Cini della Contrada della Selva, hanno consegnato il Trofeo alla formazione virtussina. VISMEDERI COSTONE-NAMED MENS SANA: 38-34 (18-17) VISMEDERI COSTONE: Ricci 8, Juliatto, Mencherini L.2, Mencherini N.19, Silveira 9, Picchi, Benini, Tognazzi ne, Papa ne, Pepi ne, Carpitella ne, Piattelli ne. All. Fattorini NAMED MENS SANA: Menconi 4, Pannini 2, Milano 5, Sabia 15, Tognazzi 8, Bovo, Del Cucina, Benincasa, Sprugnoli, Monnecchi, Giorgi ne, Santini ne. All. Binella Nonostante le numerose assenze, la Vismederi dei giovani ha superato in un avvincente confronto, la Named Mens Sana, bissando così il successo nei confronti dei biancoverdi a distanza di una settimana dal Torneo Finetti. Il mini-match è stato molto combattuto con il Costone spavaldo nelle battute iniziali (8-4 al 3'), poi ecco la reazione della Mens Sana che al 5' opera il sorpasso sull'8-10. Il 3° fallo di Bovo complica le cose nel reparto lunghi della Named e la Vismederi ne approfitta tentando un nuovo allungo (18-13 al 9'), rintuzzato però a fine frazione da Tognazzi e Sabia. Nel 2° quartino il Costone riesce a mettere la testa avanti, per non mollare più la presa. La gara si accende a causa di alcune decisioni arbitrali fortemente contestate dai giocatori biancoverdi: a farne le spese, prima Sprugnoli e dopo poco Benincasa, entrambi costretti a uscire a causa di due falli tecnici a testa. Dalla lunetta i gialloverdi non sbagliano trovando, dopo il 25-24 del 14' propiziato da una bomba di Vittorio Tognazzi, il 35-24 del 16'. Poi ecco salire in cattedra il brasiliano Samuel Silveira che da sotto spadroneggia e il 37-26 del 17' sembra ipotecare la vittoria per il Costone, con Niccolò Mencherini letteralmente scatenato. Ma la gara nelle battute conclusive si riapre, in quanto i ragazzi di Binella con un pressing a tutto campo, riescono a recuperare molte palle facendosi minacciosi sul finire (37-34 a 37”), ma la bomba di Pannini del possibile pareggio, scivola sul ferro e match chiuso a favore dei costoniani.

Costone Siena

Nessun commento

Powered by Blogger.