Header Ads Widget

L’Etrusca San Miniato ritrova se stessa, espugna il campo della Robur et Fides Varese e resta in vetta alla classifica


Coelsanus Robur et Fides Varese – La Patrie Etrusca San Miniato 75-86
(27-24, 20-12, 12-20, 16-30)
Coelsanus Robur et Fides Varese: Librizzi 14, Virginio 13, Sorrentino, Allegretti 16, Macchi n.e., Maruca 13, Pilotti 10, Spatti 7, Veronesi, Trentini 2, Gaye, Dal Ben n.e.. All. Donati, Vice Manetta e Mai
La Patrie Etrusca San Miniato: Mastrangelo 24, Lorenzetti 19, Tamburini n.e., Ermelani n.e., Ciano n.e., Candotto 5, Caversazio n.e., Bellachioma 10, Quartuccio 3, Capozio 1, Tozzi 24. All. Marchini, Vice Regoli e Latini
Seppur fortemente rimaneggiata per le defezioni di Capitan Benites, rimasto a San Miniato con la mandibola fratturata, e Caversazio, iscritto a referto solo per onore di firma, l’Etrusca San Miniato ha ripreso la sua marcia, andando a vincere al Campus di Varese contro la Coelsanus Robur et Fides. Nonostante l’ampio divario in classifica non vi era niente di scontato in questa gara, come insegna la sconfitta di domenica scorsa contro Pino Firenze, e l’Etrusca è stata brava a mettersi alle spalle la brutta prestazione di sei giorni fa ed a tornare a giocare la pallacanestro che le è più congeniale. Varese era in fiducia, venendo da due successi nelle ultime due gare, e comunque è una compagine da non sottovalutare, che combina elementi di grande esperienza, in questa categoria e in quelle superiori, con giovani assolutamente interessanti ed è in piena corsa play-off. I ragazzi di Coach Marchini partono bene e intorno alla metà del primo quarto riescono a portarsi sul +7 con la bomba ed il 2 + 1 di Mastrangelo e le bomba di Tozzi, per poi subire la rimonta dei locali che chiudono la frazione sul +3 con il libero di Spatti ed il canestro di Librizzi sulla sirena. Anche il secondo quarto si gioca all’insegna dell’equilibrio, con vantaggi minimi da una parte e dall’altra, fino a due minuti e mezzo dall’intervallo lungo, quando Varese prova a dare la spallata all’incontro, approfittando di un Etrusca che non difende con continuità e subisce in particolare il gioco “spalle a canestro”, marcando un predominio che lo porta a chiudere il periodo con 11 punti di margine. Il terzo quarto sembra la continuazione del secondo con Varese che si porta anche sul +15 (23°) e mantiene l'inerzia della gara. A questo punto Coach Marchini decide di schierarsi a zona con l'idea di togliere i punti di riferimento all'attacco avversario e proteggere qualche giocatore dai falli. Questa si rivela una mossa azzeccatissima portando i giocatori toscani ad alzare la propria aggressività che produce palle recuperate e contropiedi. Varese però non molla la presa e al 28° ha ancora un vantaggio in doppia cifra. Nell’ultimo minuto e mezzo della frazione si scatena Tozzi in attacco, che segna ben 7 punti, ma è tutta la squadra ad essere ora più brillante, con rubate, corsa, assist e contropiedi. All’ultimo riposo Varese ha solo 3 punti di vantaggio. L’ultimo periodo è giocato dai ragazzi della Rocca con lo stesso spirito con cui ha chiuso il quarto precedente e per Varese non c’è stato niente da fare. Dopo un minuto e mezzo l’Etrusca ha impattato, per poi portarsi avanti e non guardarsi più indietro. “Questa sera devo dire che i miei ragazzi sono stati davvero super – ha commentato Coach Marchini a fine partita – Dopo tutto quello che ci è capitato negli ultimi sette giorni, dall’infortunio di Caversazio, alla brutta prestazione contro Pino, all’infortunio di Benites di ieri, non era per niente facile. Andare all’intervallo sotto di undici ci poteva portare a mollare. Invece devo fare i complimenti ai miei ragazzi che non si sono mai arresi, hanno difeso duramente, hanno giocato una palla alla volta con tanto spirito di sacrificio. Questa è stata veramente una vittoria di squadra, dove tutti hanno portato il proprio mattoncino”

Etrusca Basket San Miniato

Posta un commento

0 Commenti