Header Ads Widget

Un Gesam Gas e Luce Lucca dai due volti si arrende alla Reyer Venezia 71-60


Umana Reyer Venezia: Bestagno 18, Carangelo 5, Thornton 7, Pan 8, Anderson 8, Madera 2, Smorto, Attura 5, Camporeale, Penna, Ndour 18 e Bianchi Allenatore: Andrea Mazzon
Gesam Gas e Luce Lucca: Azzi 3, Natali 18, Dietrick 2, Parmesani 2, Gianolla 9, Kaczmarczyk 6, Miccoli 2, Gilli, Frustaci 9 e Wiese 9 Allenatore: Luca Andreoli
Arbitri: Daniele Foti, Maria Giulia Forni e Laura Pallaoro
Punteggio: 71-60(22-25,30-41 e 53-46)
Il ritorno alle partite ufficiali dopo 18 giorni coincide con una sconfitta per il Basket Le Mura Lucca, costretto ad alzare bandiera bianca sul parquet delle campionesse d’Italia della Umana Reyer Venezia. Il 71-60 finale racconta di un incontro double face: primi venti minuti colorati di biancorosso, con le ospiti capace di arrivare all’intervallo lungo sul +11, prima della veemente reazione di marca orogronata che, sfruttando lo strapotere fisico di Bestagno e Ndour (18 punti a testa) e una certa sterilità offensiva di Lucca, ha svoltato l’esito della partita nel terzo quarto con un parziale di 23-5. Un vantaggio di cinque lunghezze poi incrementato nei dieci minuti finali quando le lagunari hanno continuato sia a trovare buone soluzioni offensive che stringere ulteriormente le maglie della loro difesa. Per Lucca, reduce da allenamenti all’insegna degli intensi carichi di lavoro per programmare la seconda fase della stagione, a livello di individualità va rimarcata la prestazione sfornata dall’ex Giulia Natali, autrice di 18 punti con un ragguardevole 80% da 3 (4/5). Miccoli, Kaczmarczyk, Natali, Wiese e Dietrick è il classico starting five proposto da Luca Andreoli, atteso dall’affascinante sfida con un grande tecnico come Andrea Mazzon. Le lagunari, che lasciano in tribuna Petronyte nel gioco delle straniere, replicano con un quintetto molto strutturato fisicamente con capitan Bestagno, Thornton, Ndour, Attura e Anderson. Il primo quarto si dipana su dei ritmi infernali e con i rispettivi attacchi in grado di impensierire le difese avversarie. Kaczmarczyk e cinque punti di Natali regalano al Gesam Gas e Luce Lucca il primo tentativo di allungo della serata sul 4-11. Una tripla di Thornton e Attura ricuciono parzialmente il gap, ma la squadra di Andreoli continua a praticare il suo basket prediletto con Natali capace già di raggiungere la doppia cifra a livello personale. Nei momenti di massima difficoltà le locali si affidano a Bestagno, protagonista del finale di quarto che si conclude sul 22-25. A stappare il secondo parziale ci pensa Ndour con Venezia che cerca di alzare i giri del proprio motore difensivo. Il canestro di Frustaci, mattatrice del periodo con 9 punti, infonde maggior convinzione all’attacco del Gesam Gas e Luce. L’ex Nico Basket si ripete con una tripla e nel condurre un contropiede finalizzato da Wiese portando Lucca sul 26-36. La difesa delle biancorosse costringe in due occasioni Venezia ad incappare nell’infrazione dei ventiquattro secondi. Altri cinque punti filati di Natali portano le contendenti all’intervallo sul 30-41. Tutta un’altra musica al rientro dagli spogliatoi: la Reyer attua una forte pressione difensiva, migliora le percentuali in attacco mentre il Gesam Gas e Luce manda a referto soltanto cinque punti in dieci minuti (due liberi di Wiese e bomba di Natali). La rimonta delle lagunari, letali sotto le plance, si perfeziona sul 45-44, canestro di Ndour, con 4’40’’ ancora da giocare. Andreoli prova ad utilizzare un time-out per provare a scalfire le retroguardia veneta. La tripla della rientrante Pan è solo l’abbrivio di uno sprint finale che Martina Bestagno si incarica di proseguire per il 53-46 con cui si arriva agli ultimi dieci minuti di contesa. Un nuovo parziale di 8-0, griffato Attura e la solita Pan, incanala definitivamente i due punti verso Venezia che tocca anche il +20. Un passivo che sarebbe stato ingeneroso per il Basket Le Mura Lucca, abile a dimezzare lo svantaggio grazie ai 9 punti di Gianolla e alla tripla realizzata da Elisabetta Azzi

Basket Le Mura Lucca

Posta un commento

0 Commenti