Header Ads Widget

Gema, tutto su Gara 5 di finale Sabato Sera (21,15) dopo la brutta prestazione di Mercoledi'


E' l'ultima partita della stagione, quella che deciderà la promozione in serie B: dopo aver mancato il match point mercoledì in gara 4, Gema Montecatini è proiettata testa e corpo verso gara 5, in programma sabato sera a San Miniato alle 21,15. Da valutare ancora le condizioni di Adam Sollazzo, uscito malconcio a una caviglia da un fallo subìto in gara 4. Una partita da dimenticare in fretta, come del resto è stato sempre per ogni altra sfida vittoriosa di questi playoff. "Prima cosa da dire, non ci importa di dove giocheremo - è il commento di coach Del Re - anzi è l'ultima cosa a cui pensare anche se ci dispiace molto per tutti quei nostri tifosi, e saranno tanti, che non potranno assistere dal vivo a gara 5 sabato sera (anche se molti si stanno organizzando per tifare comunque dal piazzale esterno, facendosi sentire come potranno) vista la capienza molto ridotta. E' una gara secca e in questi 40 minuti dovremo dare tutto. La squadra ha capito dove ha sbagliato mercoledì sera, finendo probabilmente più sotto pressione dei nostri avversari, al contrario di ciò che poteva essere, specialmente nei primi minuti in cui non siamo stati efficaci, finendo sotto anche di 20". Obiettivo cambiare insomma atteggiamento."Mercoledì gli avversari avevano più determinazione - conclude il coach della Gema - e questo non è andato affatto bene, costringendoci a una partita tutta in salita, non certo quella che avevamo preparato. Le nostre facce devono essere altre: anche perché abbiamo lavorato duramente da agosto a oggi per arrivare dove siamo adesso a giocarci tutto. Sarà una partita di grande intensità, di cuore e probabilmente di meno tecnica. Ma anche se magari bruttina, sarà sicuramente una partita che ogni giocatore vorrebbe disputare, come ha detto anche il nostro Guido Meini: capita poche volte in una carriera di giocarsi una promozione e una serie in un match come questo. Un motivo in più per dare tutto e oltre".

Matteo Baccellini
Comunicazione - Gema Montecatini

Posta un commento

0 Commenti