Header Ads Widget

Sibe Gruppo AF, Confermata anche la nostra “Quality connection”: Danesi, Mascagni e Navicelli


Orgogliosi e strafelici di avere ancora con noi Alessandro, Filippo e Alberto, protagonisti di una stagione straordinaria con la Sibe Gruppo AF e diventati nel tempo “pratesi d’adozione” e attaccati in maniera incredibile all’ambiente e alla nostra maglia, oltreché elementi fondamentali dello spogliatoio. Anche loro, senza esitare, hanno rifiutato le molte offerte avute da altre squadre per restare con noi. Non è la prima volta. Lo diciamo con gioia. Non è banale: metteranno ancora esperienza, qualità e “cazzimma” al servizio della squadra, infiammando con le loro diverse attitudini i nostri spalti. Giocatori diversi ma con in comune un grande senso dell’etica del lavoro, generosità e voglia di spingersi al limite. Avanti ragazzi felicissimi di avervi ancora in maglia Dragons!
Le dichiarazioni dei protagonisti Alessandro Danesi: “Sono molto felice di fare parte un altro anno di questa squadra e questa società. Ormai sono anni che abbiamo un grande rapporto che si sta consolidando anno dopo anno. Credo che quest’anno, con l’umiltà e il lavoro, potremmo ottenere un altro grande risultato, questo ha portato l’entusiasmo che ci ha travolto nel finale di stagione; quindi, vi aspettiamo già carichi, fin dalla prima partita”. Filippo Mascagni: “Sono contento di proseguire con la società che mi ha dato fiducia in un momento difficile e spero di poter ripagare in questo anno in cui arriviamo con qualche consapevolezza in più. Abbiamo fatto mosse giuste in estate, ora dobbiamo mettere tutto insieme e lavorare, un giorno alla volta”. Alberto Navicelli: “Sono contento di poter proseguire questa avventura per un altro anno. Sono molto grato alla società per la fiducia che mi ha dato. Da sempre, dal primo giorno e mi ha fatto crescere ancora. Sono molto carico e voglioso di affrontare un’altra stagione in rossoblù. Non vedo l’ora di ricominciare e versare sudore per questi colori. Forza Dragons!”

Sibe Gruppo AF Prato

Posta un commento

0 Commenti