Header Ads Widget

Proget Impianti Olimpia Legnaia – Castelfiorentino 47 – 53


Una sconfitta che compromette ulteriormente i piani per la Proget Impianti Olimpia Legnaia. I giallo-blu, nonostante le ultime due vittorie in trasferta, cadono ancora in casa, stavolta contro Castelfiorentino.
PROMOZIONE – PRIMA FASE – GIR. B / 8º GIORNATA
Domenica 4 Dicembre 2022 @ PalaCantini
OLIMPIA LEGNAIA-CASTELFIORENTINO 47-53
(5-13, 21-29, 38-59, 47-53)
PROGET IMPIANTI OLIMPIA LEGNAIA Fusillo 10, Macchia 9, Pandi 5, Cambi 2, Becocci, Masi 8, Jakoberaj 6, Taccetti 4, Mori 3, Mercado, Carli, Gerbi. Coach: Deza Linares Ass. Lupori
CASTELFIORENTINO Zampacavallo 11, Ciampolini 8, Talluri T. 5, Buti 5, Dragoni 2, Flotta 9, Talluri J. 8, Iserani 5, Cavini, Cetti, Pratelli ne, Turini ne. Coach: Chiarugi Ass. Miranceli
Parziali: 5-13, 21-29, 38-59, 47-53.
Arbitri: Chirco e Giachi di Firenze
Non un buon inizio per i legnaioli che nella prima frazione peccano d’imprecisione sotto canestro. I primi punti di squadra, arrivati dal canestro di Fusillo, sembrano sbloccare il gruppo allenato da Deza Linares ma un’ottima fase difensiva ospite, unita ad una palla che spesso viene sputata fuori dal ferro per l’Olimpia, consentono a Castelfiorentino di costruirsi un vantaggio considerevole con un Ciampolini spietato che mette a segno due triple. Da una tripla all’altra, bussa per i padroni di casa Masi che mette una pezza ad un primo quarto non facile per i suoi concluso sul 5-13. Una migliore seconda frazione consente all’Olimpia di crescere progressivamente. Si sveglia capitan Mori che con una tripla riaccende la speranza. Cambi sotto canestro appoggia bene concludendo una buona azione avviata da Macchia. Quest’ultimo, ancora dalla distanza, è preciso e porta il punteggio sul -5. Per Castelfiorentino, Zampacavallo cerca di mantenere la distanza con una tripla a conclusione di un’ottima azione elaborata. Ai due canestri di Taccetti, risponde, per gli ospiti, Talluri. Il gap non viene dunque colmato definitivamente e si va al riposo sul 21-29. Al rientro dalla pausa, i legnaioli cercano di invertire il trend. Apre le danze ancora Macchia, di nuovo da tre. Due sgasate di Fusillo avvicinano poi ancor più i padroni di casa all’aggancio coronando un break positivo che lascia ben sperare. Si entra ora in una fase in cui le squadre sono punto punto. Dopo l’espulsione di Mori per reazione ad un calcio di un giocatore castellano non ravvisato dalla coppia arbitrale, Pandi scambia bene con un compagno e firma il canestro del pareggio accendendo il tifo del PalaCantini. Un possesso ben sfruttato da Castelfiorentino al tiro da tre Buti, che non fallisce e dà respiro ai suoi. A pochi attimi dalla sirena di fine terzo quarto, Masi firma una tripla importante che consente ai legnaioli di mettere il fiato sul collo alla formazione ospite, che adesso conduce di una sola lunghezza (38-39). Ultima frazione di gara che si apre nel migliore dei modi per legnaia con la garanzia di Macchia, autore della terza tripla di serata. Stavolta, però, la carica del miglior realizzatore giallo-blu non basta. Castelfiorentino arriva velocemente alla conclusione con Flotta per ben due volte: la prima alla fine di un’azione manovrata e la seconda sugli sviluppi di una palla persa dai locali a metà campo. Quest’ultimo dà una spallata al match con una tripla che vale il +5 a pochi minuti dalla fine. Jakoberaj, ancora dall’arco, illude i legnaioli che si vedono scivolare il match dalle mani dopo le fulminanti azioni di Iserani ed ancora di Flotta allo scadere. La partita termina sul 47-53, lasciando tanto amaro in bocca ai giallo-blu per un’altra sconfitta che arriva a causa di un minimo scarto.

Olimpia Legnaia Basket Firenze

Posta un commento

0 Commenti