Header Ads Widget

Per la Scotti il solito, maledetto blackout


L'Use Rosa rimedia a Desio la seconda sconfitta consecutiva. Il 17-0 dopo l'intervallo pesa come un macigno sul risultato. Il finale è punto a punto ma la squadra non ha la necessaria lucidità per vincere
E’ il solito, maledetto blackout a condannare la Scotti alla seconda sconfitta consecutiva. San Giovanni Valdarno e Giussano sono legate da un filo conduttore, un parzialone incassato che pesa come un macigno sul risultato finale di 63-56 per le lombarde. Se domenica scorsa la squadra aveva iniziato con un 13-0, stavolta resta con la testa nello spogliatoio dopo l’intervallo, quando incassa un 17-0 col primo canestro segnato a 2 minuti dalla fine. E dire poi che, nonostante tutto, il finale è punto a punto ma anche qui, nella fase decisiva, manca la necessaria lucidità nel gestire i possessi che contano per assegnare i due punti. Peccato perché, nonostante tutto, la gara era alla portata ma è evidente che coach Cioni ha ancora da lavorare per mettere nella giusta carburazione il motore biancorosso. Stoichkova segna due liberi prima della tripla di Castellani: 2-5. Coach Cioni manda in campo la recuperata Miscenko in una gara che stenta a decollare. Merisio segna il 4-7 ma la Scotti non riesce a capitalizzare in attacco quanto di buono fa in difesa. La gara vive due lampi proprio sulla sirena della prima frazione col botta e risposta dall’arco fra Niedzwiedzka e Castellani: 12-12. Manetti riparte con un appoggio da sotto ma la partita viaggia sempre sui soliti binari, ovvero tanti errori in attacco ed equilibrio fra le squadre. Dopo 7 minuti Miscenko dalla lunetta segna il 19 pari e basta vedere il punteggio per capire come le mani siano a dir poco fredde. Nel finale un paio di mezze buone notizie: la tripla di Merisio per il 19-26 ed il terzo fallo della temutissima Niedzwiedzka. A metà siamo 21-26. Gatti appoggia da sotto il primo canestro dopo il ritorno in campo, prima della solita sagra di errori da ambo le parti. Nessuno, però, può prevedere quello che sta per accadere. Manzotti mette il 25-26 e Niedzwiedzka firma il 28-26, un parziale di 7-0 che obbliga coach Cioni al minuto, mossa che però non serve perché Manzotti mette la bomba del 31-26 e Gatti dalla lunetta il 32-26: 10-0. La Scotti sbaglia quanto c’è da sbagliare, la squadra pare frastornata e Manzotti segna i liberi del 34-26: 12-0. Piove sul bagnato con la tripla di Bonadeo al limite dei 24 secondi, un campanello d’allarme sia per il 37-26 che per il 15-0 di parziale che, con Niedzwiedzka in lunetta, diventa 17-0: 38-26. Gli dei del basket sorridono a Ruffini con una tabellata da tre a 100 secondi dalla fine, il primo canestro biancorosso dopo l’intervallo, momento in cui qualcosa pare cambiare a livello di pressione difensiva tanto che stavolta è coach Corno a fermare il gioco. Di Gatti il più 10 (32-42) ed al 30’ siamo 35-42 con la tripla di Manetti. Nonostante tutto c’è ancora vita e Castellani suona la carica segnando subito 4 punti con Patanè che sforna a Manetti un assist al bacio per il meno 1: 42-41 e gara riaperta. Niedzwiedzka mette il 46-41 ma subito ribatte Villaruel. Inizia a martellare anche Stoichkova (49-47) mentre Manetti, come atteggiamento, è un esempio per le compagne per come lotta su ogni pallone. Villaruel in lunetta a metà parziale impatta a quota 51 ed all’8’ la partita non ha ancora una padrona. Cioni rimette Merisio e la Scotti sbaglia qualche canestro di troppo che si rivelerà decisivo. Diotti appoggia il 58-54 e Castellani, a 54 secondi dalla sirena, va in lunetta per il 58-56. A tirare i liberi tocca poi a Lussignoli che è fredda segnando il 60-56 a 38 secondi dalla sirena. Coach Cioni chiede timeout ed è Manetti a tentare, senza fortuna, la tripla. A quel punto la scelta è il fallo sistematico e Giussano va a vincere 63-56. Pensierino finale: è innegabile che ancora non ci siamo, ma il girone è difficile e la strada è ancora molto, molto lunga. La ricetta è una sola: testa bassa e lavorare.
63-56
BASKET FOXES GIUSSANO Diotti 6, Manzotti 10, Niedzwiedzka 21, Bonadeo 11, Gatti 7, Lussingoli 8, Colico C., Foschini, Crippa, Sorrentino, Colico Cr. Ne. All. Corno (ass. Aramini)
USE ROSA SCOTTI Castellani 20, Ruffini 5, Patanè 2, Stoichkova 5, Manetti 9, Miscenko 5, Merisio 6, Avonto, Villaruel 4, Antonini . All. Cioni (ass. Ferradini/Giusti)
Arbitri: Giovagnini di Torino e Giordano di Gela
Parziali: 12-12, 21-26 (9-14), 42-35 (21-9), 63-56 (21-21)

USE Basket

Posta un commento

0 Commenti