Svanisce il sogno della Final Four di Coppa Toscana per la Gea, battuta (100-80) sul parquet di Monsummano

Quarti di finale Coppa Toscana
Gioielleria Mancini Monsummano-Gea Grosseto 100-80
GIOIELLERIA MANCINI SHOEMAKERS MONSUMMANO: Barneschi, Vezzani 21, Marchetti 6, Calderaro 8, Maccione 13, Alikalfic, Navicelli 6, Bellini 24, Luciano 2, Romano 7, Martelli 11, Testa 2. All. Matteoni
GEA BASKETBALL GROSSETO: Bassi 2, Zambianchi 8, Morgia 7, Contri 2, Furi 9, Ricciarelli 10, Burzi 2, Santolamazza 5, Roberti 27, Baffetti 4, Tattarini 4. All. Crudeli
ARBITRI: Claudio Boni di Pelago e Mattia Parigi di Firenze.
PARZIALI: 25-15, 47-36; 75-58.
NOTE: usciti per falli Navicelli e Luciano.
MONSUMMANO TERME – Svanisce a Monsummmano il sogno della Gea Basket Grosseto di approdare alla Final Four di Coppa Toscana di serie D. I biancorossi grossetani allenati da Pablo Crudeli si sono arresi nettamente nei quarti di finale alla Gioielleria Mancini (100-80) al termine di un incontro che ha preso una direzione precisa dopo dieci minuti, con i pistoiesi avanti di dieci punti. Santolamazza e compagni non sono mai riusciti a mettere paura al quintetto di Matteoni che ha fatto della velocità e del pressing a tutto campo le armi migliori. Alla fine dei 40’ sono stati addirittura venti i contropiedi subiti dalla Gea, che ha sì messo a segno un buon bottino di ottanta punti, ma ha anche permesso agli avversari di arrivare in tripla cifra, grazie anche a sette tiri da tre punti. La formazione maremmana, senza Romboli e Canuzzi che avrebbero potuto garantire un po’ di riposo a Furi, e senza il bomber Perin, ha lottato con i denti, riuscendo ad avvicinarsi a sette-otto punti, ma gli Shoemaker l’hanno sempre riallontanata. La gara si è aperta con una bomba di Maccione, alla quale ha risposto Zambianchi con due canestri dalla lunetta. Il break di 10-0 ha permesso a Monsummano si prendere un margine di tutto rispetto (13-2). La Gea tenta una timida reazione ma Navicelli in contropiede la punisce. Calderaro e Martelli non sbagliano e al 5’ è 17-4, prima del +17, prima di un parziale firmato Roberti (top scorer biancorosso con 27 punti) che permette al Grosseto di chiudere il primo quarto a -10. Botta e risposta in apertura di secondo quarto poi, complice un antisportivo fischiato ai monsummanesi, Grosseto rientra a -8. Vezzani dalla lunetta e un bel gioco di Martelli da 3 punti sono nuova linfa per gli Shoemakers. Roberti colpisce anche da 3 e Grosseto rientra a -8, ma Navicelli trova il nuovo +10. Calderaro e una bomba di Bellini danno al quintetto di casa il +14. Tre liberi di Roberti fissano il punteggio di metà gara sul 47-36. Bellini apre le danze del terzo quarto con un 5-0 ma Grosseto colpisce da 3 con Morgia, ma Vezzani e Testa danno il nuovo massimo vantaggio ai locali (59-41). Santolamazza ancora da 3 ma i ciabattini con Bellini volano sul +20 (66-46). La Gea si affida al tiro dalla lunga distanza per tentare il recupero e Grosseto rientra a -14, prima dei centri di Romano e Vezzani per il 75-58. Nell’ultimo quarto Crudeli si affida ai tre giovani dell’under 18, in campo con i veterani Santolamazza e Zambianchi. Monsummano continua nella sua bella serata, ma i baby biancorossi Baffetti, Burzi e Bassi non sfigurano, riuscendo a rendere meno pesante il passivo con i loro punti.
IL COMMENTO DEL COACH CRUDELI
Al termine della gara disputata a Monsummano, il coach Pablo Crudeli accetta la sconfitta: «Bravi loro, non ci hanno concesso niente. In questa occasione le assenze ci hanno condizionato soprattutto in difesa. I miei ragazzi hanno lottato, ma alla fine i pistoiesi ci hanno punito con la velocità e i tiri da tre punti. Noi siamo un po’ diesel e la gara ci è sfuggita di mano dal primo quarto». «Purtroppo in settimana – prosegue Crudeli – ci siamo allenati in pochi e in partita ci si sente sicuri se abbiamo lavorato bene. Contro Monsummano non avevo alternative. Adesso mi auguro di avere a disposizione tutti i giocatori in palestra per iniziare nel migliore dei modi il campionato. Per la trasferta di Firenze ho bisogno di trovare soluzioni diverse». «Quando vinci – conclude il coach argentino della Gea – i difetti si nascondono, ma quando perdi sembra che non vada bene niente. Questo ko ci deve mettere in allerta, ma niente panico».

Ufficio stampa Gea Basketball
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento