Intervista a Tommy Regoli: il nuovo responsabile del settore giovanile Etrusca

Arriva dal Basket Calcinaia ed è il volto nuovo del settore giovanile Etrusca. Gli abbiamo un piccola intervista per presentarlo al mondo Etrusca. Benvenuto Tommy! 1. Cosa ti ha spinto a venire all'Etrusca? Cosa è stato decisivo per la tua scelta? Intanto colgo l'occasione di questa intervista per ringraziare tutto il mondo Etrusca per questo primo intenso mese e mezzo di lavoro in cui mi sono sentito subito il benvenuto. La scelta di accettare la proposta tecnica dell'Etrusca è maturata durante la scorsa stagione, anche se già in passato avevo avuto l'occasione di conoscere la dirigenza. Lo staff tecnico è in gran parte composto da amici più che colleghi, per cui non ho mai dubitato che l'inserimento in questo contesto sarebbe stato abbastanza semplice. Direi quindi che ho avuto modo di riflettere molto su questa scelta e che la qualità umana delle persone di questa società è stata fondamentale per convincermi. Allenare in una società di tradizione come l'Etrusca è indubbiamente molto stimolante. 2. Come giudichi queste prime settimane di lavoro all'Etrusca? Molto difficili e molto appaganti, difficili perché abbiamo dovuto lavorare senza la possibilità di sfruttare a pieno il PalaFontevivo con tutte le conseguenti problematiche di spazi di allenamento ridotti; appaganti perché ho apprezzato come, nonostante le difficoltà, nessun motore sia rimasto spento e tutte le attività siano iniziate, compresi i progetti nelle scuole elementari, vitali per far conoscere il nostro sport a tutti i bambini del territorio. 3. Come hai trovato l'ambiente Etrusca? Molto caldo e appassionato. Ci sono diverse persone che vivono la quotidianità della palestra fermandosi qualche minuto per salutarti, scambiare due parole e raccontarti qualche aneddoto sull'Etrusca del passato. C'è un legame particolare per cui la società è sentita come un patrimonio di tutti. Nonostante la lunga storia, però, direi che possiamo e dobbiamo lavorare con lo spirito delle "giovani società", cercando di aumentare ancora i numeri del Minibasket e divulgare il nostro sport. Con una base più ampia potremo ambire a traguardi importanti. 4. I campionati giovanili sono alle porte e i ragazzi hanno fatto un duro lavoro da fine agosto ad oggi. Cosa ti aspetti da questa stagione? Quello che mi aspetto sempre, cioè lavorare molto, sperando di farlo con la massima serenità e il minor numero di imprevisti possibile. L'unico obiettivo reale deve essere il miglioramento. Le nostre squadre, escludendo l'annata 2001 che si confronterà con squadre di alto livello, partecipano a campionati regionali in cui potranno ben figurare ma senza mai perdere di vista quello che conta davvero, la crescita tecnica e umana dei ragazzi. 5. Quale futuro vedi per i nostri giovani? In questo senso non posso che essere ottimista. I nostri giovani hanno già preso una decisione importante nella vita, quella di affiancare un percorso di formazione sportiva accanto a quello scolastico. Sono ragazzi "impegnati" che passano molto tempo in palestra e fanno una vita molto diversa rispetto alla maggior parte dei coetanei. L'ambiente Etrusca e la pallacanestro sapranno ripagarli dei loro sacrifici facendoli sentire parte di qualcosa di più grande. A livello tecnico ogni ragazzo deve potersi identificare nella squadra Senior di coach Barsotti e sognare di farne parte, ma la società offre la possibilità di avere diversi sbocchi tecnici, sia con la squadra di Promozione di coach Giunti sia con la C Femminile di coach De Lucia, quindi in un futuro ideale vorrei vedere tanti di questi ragazzi diventare uomini e donne cresciuti con la canotta biancorossa. Un saluto e buona stagione a tutti !

www.etruscabasket.com
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento