Bama asfaltato a Lucca finisce over 100

GEONOVA LUCCA 101
BAMA ALTOPASCIO 70
(23-17; 48-38; 77-51; 101-70)
Arbitri: Orlandini e Panicucci
LUCCA: Zita 7, Romano 23, Tempestini 11, Barsanti, Russo 12, Nesi 24, Puccinelli 1, Simonetti, Tessitori 13, Pagni, Redini, Pierini 10. All. Piazza
BAMA: Poggetti, Lombardi 9, Pantosti 7, Canciello, Orsini 6, Riccio, Baroncelli 19, Cappa 11, Bini Enabulele 2, Meucci 12, Bonari, De Falco 4. All. Novelli
Prima di commentare la partita é doveroso ringraziare i bambini del settore minibasket, nonché la loro istruttrice che, di ritorno da una partita a Carrara, si sono fermati a Lucca per incitare il Bama con cori e tamburi, invece di recarsi a casa. Ed é doveroso scusarsi con le relative famiglie, e con altri altopascesi arrivati a Lucca, che hanno anche pagato il biglietto per assistere a cotanta desolazione. Occorre poi essere sportivi e fare i complimenti ad un avversario che ha giocato una gara di alto livello, in un match preparato in ogni minimo dettaglio. Tutto l'opposto dei rosablu apparsi molli, pasticcioni, disorganizzati e, soprattutto, allergici alla lotta. Che il team di Piazza fosse superiore era da mettere in conto, quello che non era affatto previsto era assistere ad un Bama letteralmente inguardabile. La vittoria casalinga trovata solo negli ultimi 100 secondi con San Vincenzo, unita ad allenamenti dalla bassissima intensità, caratterizzati da ritardi, assenze giustificate e non, degli ultimi 15 giorni rappresentavano già un sinistro campanello d'allarme. Il campo del Palatagliate ne ha dato la conferma. C'é stata gara fino al 18' quando Lombardi impatta sul 36-36. Da lì in poi é un monologo biancorosso con i padroni di casa che rubano palloni in serie di fronte ad un Bama in totale confusione. 48-38 all'intervallo e ripresa con una sola squadra in campo. Quella biancorossa. Il Bama attacca male, anzi malissimo, e difende peggio, non aggredendo gli avversari e subendo passivamente i pick and roll. Senza contare i decametri di spazio concessi con una difesa a zona da dimenticare. I lucchesi si esaltano, convertono numerosi contropiedi e non sbagliano mai al tiro. Dalla parte rosablu invece non si contano i palloni persi per approssimazione. Le percentuali al tiro continuano ad essere orribili, cosa che induce i padroni di casa a collassare in area e raddoppiare in post basso per ulteriori recuperi. Il gap si dilata in modo imbarazzante e c'é anche un'espulsione per fallo tecnico e successive proteste ad un Riccio mai allenatosi in settimana. Lucca gioca sul velluto e appare in grandi condizioni con un Romano chirurgico e Nesi a colpire dall'arco con regolarità, non la specialità della casa. Oltre a loro due un buonissimo Russo. Ma tutta la squadra, salvo pochissime eccezioni, é apparsa tonica, aggressiva e pronta per il salto in serie B. Visto anche il prossimo rientro di Barsanti. Per il Bama invece é ora di fare un bagno di umiltà, di tornare a far scorrere il sudore in allenamento e di pensare ad un trittico di partite prima della sosta con avversari in chiave salvezza. Unico obiettivo, al di là di vari commenti esterni che lasciano il tempo che trovano, perseguibile in via Marconi. La classifica attuale vede i rosablu solamente nella veste di intrusi momentanei nei quartieri medio alti. Con Synergy Valdarno (rinforzata con un colored di passaporto U.S.A.), Valdisieve e Montevarchi ci vorrà tutto un altro Bama, altrimenti saranno sonore sconfitte.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento