Basket serie D, La Gea soffre ma batte anche l'Affrico Firenze (68-58)

Gea Grosseto-Buratti Affrico Firenze 68-58
GEA: Canuzzi 10, Piccoli, Zambianchi 12, Perin n.e., Romboli 13, Morgia 3, Furi 4, Santolamazza 5, Gruevski 4, Roberti 12, Baffetti 5, Bocchi n.e.. All. Pablo Crudeli.
AFFRICO: Sferruzza 5, Cacciavillani 3, Manno, Ardinghi 16, Albini, Ribeira 3, Calosi 3, Michelotti, Passaleva, Gianfelice 8, Calamai 9, Ungar 11. All. Riccardo Soldaini.
ARBITRI: Francesco Santacroce di Chiesina Uzzanese e Samuele Rossetti di Rosignano.
PARZIALI: 13-16, 31-33; 53-48
NOTE: uscito per falli Canuzzi; fallo tecnico a Furi nel 2° q., a Crudeli nel 3° q., Canuzzi nel 4°q,
La Gea Grosseto prosegue la cavalcata solitaria in testa alla classifica del girone A di serie D, sbarazzandosi dell’Affrico Firenze (68-58 il finale) al termine di una partita che ha preso la piega giusta per Santolamazza e compagni solo negli ultimi dodici minuti di gioco, dopo aver sofferto inaspettatamente gli ospiti. Nei primi ventotto minuti la Gea ha giocato al di sotto dei suoi standard abituali: troppe palle perse, tiri forzati e difesa leggera. Fattori che hanno consentito ai veloci giocatori dell’Affrico di rimanere più a lungo in partita di quanto pensassero. A questo quadro si è aggiunto anche un arbitraggio deficitario che ha danneggiato sopratutto i grossetani, che si sono visti assegnare anche due tecnici incredibili. Va anche sottolineato che il coach Pablo Crudeli è stato costretto a rinunciare a Mattia Ricciarelli (verrà operato lunedì mattina per una frattura scomposta al setto nasale) e Matteo Perin, rimasto in panchina per 40’ a causa di una lombo-sciatalgia. «Abbiamo deciso la partita quando abbiamo tirato fuori gli attributi, alla fine del terzo quarto - commenta Pablo Crudeli - ma in certi momenti non abbiamo giocato nemmeno al 50% delle nostre possibilità Le due assenze importanti dovevano darci un ulteriore stimolo per vincere, maggiore grinta; invece abbiamo creduto di farcela ugualmente facilmente,facilmente, ma non è stato così». La Gea inizia con il freno a mano tirato, con molti errori, consentendo ai fiorentini di rimanere in vantaggio per buona parte dei primo quarto, arrivando ad un vantaggio di quattro punti (10-14, 12-16), prima di chiudere sopra di tre. Nel secondo quarto i canestri di Roberti e Gruevski riportano avanti i grossetani dopo un minuto e mezzo di gioco (17-16). Un dubbio fallo tecnico a Furi permette all’Afffrico di segnare quattro punti (libero e bomba di Calosi) e di rimanere sulla scia della Gea che, nonostante i quattro punti in entrata di Canuzzi, va all’intervallo lungo sotto di due punti a causa della bomba sulla sirena di Ribeira. Non cambia granché all’inizio del terzo quarto, con la Gea che continua a subire i canestri ospiti a causa anche di alcune palle perse banalmente: a 4’13 dalla fine l’Affrico trova il massimo vantaggio della partita sul 41-47. Furi e Zambianchi (generosissima la sua prestazione) riducono lo svantaggio (45-47); due bombe di Romboli, autore di uno splendido finale di gara, e il canestro di Grueski regalano il sorpasso e la fuga del Grosseto (53-48). Nell’ultima frazione la tripla di Marco Baffetti porta a più nove (57-48), che diventano anche undici, prima di finale a corrente alternata nel quale la Gea controlla, con qualche rischio di troppo, il tentativo dell’Affrico di riaprire il match.

Ufficio stampa Gea Basketball
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento