Vismederi Costone – Amen Arezzo: si va alla bella

Ottima prova dei ragazzi di braccagni che non lasciano scampo agli ospiti
Un tifo assordante in un Palaorlandi al limyte della capienza. Domenica si torna in campo per Gara-5 ad Arezzo
70-60
VISDMEDERI COSTONE SIENA: Benincasa 19, Catoni 3, Bruttini 18, Chiti 6, Tognazzi 13, Ceccatelli 2, Angeli 6, Panichi 3, Bruni, Carpitella, Aiello. All. Braccagni
AMEN SBA AREZZO: Dolfi 7, Cutini 19, Kirlys 16, Gramaccia, Bianchi, Castelli 8, Giommetti 6, Provenzal 4, Bichi ne, Baracchi ne, Calzini ne, Fascetto ne. All. Serravalli
ARBITRI: Mariotti e Montalbetti
Parziali: 24-18, 39-33, 57-43
Il cuore gialloverde della Vismederi Costone continua a battere e lo fa in maniera vitale vincendo gara-4 contro Arezzo che viene domato grazie a una difesa insormontabile che non ha lasciato scampo ai tiratori aretini. Il solo Cutini è riuscito a farsi pericoloso, troppo poco per una squadra che poteva chiudere qui la serie. Invece la Vismederi, mai doma, la prolunga con pieno merito, grazie anche all’appoggio dei propri sostenitori che sono accorsi numerosi al PalaOrlandi (circa 700 gli spettatori). Il Costone ha sempre comandato le danze a proprio piacimento, fatta eccezione per l’unico vantaggio amaranto (9-11 al 7’), poi i senesi hanno preso il comando delle operazioni senza più mollare la presa. I primi acuti sono di Bruttini che con le sue 3 bombe consecutive e con una stoppata and go da 2 firma il parziale di 24-16 al 9’. Arezzo sembra reagire e al 24’ Provenzal con una tripla firma a sua volta il 28-26. Coach Serravalli ordina una zona, Panichi e Catoni da 3 non perdonano, poi anche Braccagni prova con una 3-2 e all’intervallo Vismederi a +6. E’ nella 3^ frazione che i padroni di casa mettono la freccia e scappano (50-36 al 26’), trascinati da un Benincasa esplosivo (mvp dell’incontro). Ma come detto la vittoria matura grazie a una difesa pazzesca, con Angeli che ruggisce, ben affiancato da Chiti che regge l’urto contro Giommetti. Anche Dolfi è guardato a vista e si ferma a quota 7. Il +14 della 3^ sirena è un buon viatico e con il control game, condito dalle percussioni di un recuperato Tognazzi, la Vismederi porta a casa una vittoria che cancella le velleità di un Arezzo un po’ troppo sciupone (19 palle perse contro le 8 dei senesi). Al termine tutti in piedi a salutare una squadra che di miracoli quest’anno li ha fatti anche troppi, ma che domenica risarà in campo. Non era poi così scontato.

RR
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento