Filippo Toccafondi saluta la Pallacanestro Agliana, andrà ad allenare in Cina

A più di dieci anni di distanza dal suo arrivo, Filippo Toccafondi saluta la Pallacanestro Agliana 2000. Una separazione che nasce da un’emozionante sfida professionale che l’amatissimo (da tutti) coach neroverde ha deciso di accettare. Non si può dire, quindi, se si tratti di un addio o di un arrivederci: quel che adesso preme al presidente Simone Caramelli e a tutti coloro che fanno parte della società è che Filippo tragga il meglio da questa importante esperienza. Toccafondi è arrivato ad Agliana da giocatore nella stagione di C2 2008-09 per rimanerci fino alla fine di quella 2012-13 passando dal campo alla panchina e togliendosi comunque grandi soddisfazioni come la vittoria, da capo allenatore, della Serie D 2010-11 e gli scudetti regionali under 17 e under 19 tra il 2011 e il 2013. Dopo un biennio a Pontedera è rientrato al Capitini nel settembre del 2016 per restarci fino a poche settimane fa come assistente della prima squadra di C Gold (prima di Bertini e poi di Mannelli), come allenatore del settore giovanile e, infine, nell’ultima stagione, anche come responsabile tecnico del vivaio aglianese. Adesso, tutto è pronto per lo sbarco in Cina. Direzione Hangzhou città capoluogo della provincia Zhejiang, nella parte centro orientale. Farà l’insegnante di pallacanestro in un high school e l’allenatore della selezione che parteciperà al campionato scolastico. «Non ho ancora ben metabolizzato il grande cambiamento – confida – probabilmente perché sono molto concentrato sul lato organizzativo. Penso che sia un’avventura stimolante, che non è da tutti, ci sono tanti lati positivi e in questo momento penso a quelli piuttosto che ai rischi e alle rinunce. Non sarò da solo ma con la mia ragazza e abbiamo deciso di partire senza mettere paletti a medio-lungo termine ma riservandoci delle valutazioni alla fine del contratto. Per quanto riguarda l’aspetto lavorativo, essendo in un sistema culturale completamente diverso da quello italiano farò molta attenzione all' approccio con le persone che incontrerò e avrò il massimo rispetto verso la loro cultura, mettendo comunque a disposizione il mio bagaglio di esperienza». «Lascio la Pallacanestro Agliana che per me è una seconda famiglia ma sono molto tranquillo perché è in buonissime mani. Le emozioni più grandi? Devo dire che le prime sono state fortissime: la vittoria della Serie D come capo allenatore e poi dei campionati under 17 e under 19. Anche negli ultimi anni abbiamo gioito tantissimo sia a livello giovanile che senior; incredibile, poi, quanto successo in quest’ultima C Gold». «Un grande ringraziamento – conclude Toccafondi - va a tutti coloro con cui ho condiviso questi anni, compresi i ragazzi e le loro famiglie, che hanno contribuito alla mia crescita personale e professionale. Un ringraziamento speciale va al presidente Simone Caramelli, che mi ha dato tanto e mi ha sempre supportato: è una cosa che succede di rado. Altri due grandissimi ringraziamenti voglio farli a Paolo Bertini, colui che mi ha formato nei primi passi da allenatore e a Tommaso Mannelli, non solo per l'ultima stagione ma per aver creduto in me molto tempo fa».

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento