Ganguzza a fil di sirena annichilisce l’Affrico, Santo Stefano la spunta in volata 64-61

Una tripla di Ganguzza (ala, 83, ex Serie B tra cui Porto Torres, Empoli, Tortona, Pistoia, Urania Milano e Vado Ligure)a 2 secondi e spiccioli annichilisce i giovani biancoblu Affrico che vengono sconfitti sul finale dai ragazzi di Trucioni. L’inizio di partita tuttavia è completamente di marca Affrico, guidati da Redolfi e Manno (top scorer dei nostri a 13). Dall’altra parte è Buricchi prima e Ganguzza poi che provano a dare la carica, ma dall’altra parte del campo le incursioni dei ragazzi di coach Soldaini imbeccano la difesa, guadagnandosi falli e canestri. Il primo quarto si chiude sul 16-29 per i nostri, senza nemmeno un tiro dalla distanza. Coach Trucioni sveglia la banda biancorossa che alza l’intensità divensiva ritornando grazie alla tripla di Malcuori sotto la doppia cifra di svantaggio. Stavolta è Gelli a riportare l’Affrico sul +12, ma sul finale di primo tempo un paio di errori permettono ai padroni di casa di andare negli spogliatoi sotto di 8 lunghezze. Al rientro dalla pausa lunga il copione non cambia: i biancorossi partono meglio con una tripla di Catalano, ma Michelotti e Manno ristabiliscono il +9. Nel momento decisivo dell’incontro è l’infortunio di Calamai che scombussola i piani biancoblu. L’esterno affricano accusa un fastidio al flessore dovendo abbandonare il campo per il resto dell’incontro. I giovani biancoblu tengono duro e riescono a chiudere a +7 il terzo periodo grazie al fallo e canestro di Albini. Nel quarto periodo la partita diventa più tesa, il canestro di Gelli a 7 minuti e mezzo dalla fine dà l’inizio a un digiuno realizzativo biancoblu che sarà decisivo. Il parziale decisivo della rimonta e del sorpasso è tutto firmato Ganguzza-Buricchi che portano i padroni di casa sul 58-53. Ardinghi, nonostante una prestazione senza alti ne bassi si inventa due giocate difensive che permettono ai biancoblu di recuperare lo svantaggio ritornando in parità. Corti firma il 61-59 dalla lunetta, Ardinghi sbaglia i due tiri liberi successivi ma il fallo in attacco di Ganguzza permette di far avanzare la palla e fissare la nuova parità a 9 secondi dalla fine grazie all’isolamento di Simoncini. Coach Trucioni disegna l’ulitma rimessa, la palla finisce in mano a Ganguzza, Gianfelice e Redolfi non sono lesti nel cambio difensivo lasciando una finestra libera per tirare. La palla entra a 2 secondi e spiccioli sul cronometro, Ardinghi scappa veloce nell’altra metà campo ma la preghiera si infrange sul ferro. Una prestazione corale e ben organizzata fino al 33′, punita ancora da un black out nei momenti decisi e dalle individualità avversarie. La truppa biancoblu rimane a bocca asciutta, perdendo Calamai per infortunio muscolare che sarà valutato nei prossimi giorni al Centro Gianfortuna, ma recupera ora Cacciavillani alla vigilia di una trasferta impegnativa come quella di Asciano.
Questi tabellini e parziali dell’incontro:
Santo Stefano 64
Affrico 61
Parziali 16-29; 32-40; 43-50;
Affrico: Albini 3, Manno 13, Ardinghi 6, Sportelli 1, Michelotti 2, Redolfi 4, Passaleva, Morandi 4, Gelli 9, Simoncini 9, Gianfelice 2, Calamai 8. All Soldaini
Santo Stefano: Buricchi 20, Ganguzza D. 17, Galluzzo 6, Catalano 5, Beltrami 4, Lombardini 4, Ganguzza P. 5, Malcuori 3. All. Trucioni

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento