L’OriOra Pistoia cade sotto i colpi di Treviso: finisce 87-72

L’OriOra Pistoia cade sotto i colpi della De’Longhi Treviso e rimanda l’appuntamento con la prima vittoria stagionale: al PalaVerde finisce 87-72 per i padroni di casa, trascinati da un super Logan, mentre i biancorossi (che salutano l’esordio stagionale di Brandt ma restano orfani di Salumu, fermato in avvio da un guaio fisico) non sono riusciti a mettere sul parquet l’intensità e la continuità necessaria per giocarsela fino in fondo.
LA CRONACA.
Partenza bruciante di Treviso, che piazza tre bombe consecutive con Nikolic (2) e Cooke costringendo subito coach Carrea al time out. Pistoia trova il primi punti con Petteway e il primo canestro in Lega Basket Serie A di Brandt, ma continua a sbagliare troppo sia in attacco che in difesa. La tripla estemporanea di TP5 vale il -6, mentre gli uomini di Menetti non segnano più: 15-9. L’OriOra continua a far fatica a sintonizzarsi sul match e la De’Longhi scappa via con un altro parziale di 9-0 firmato da Tessitori, Parks e soprattutto dall’ex Severini. I biancorossi tornano a segnare dalla lunetta e iniziano a farsi valere nel pitturato con Johnson e Brandt, i biancoblù rispondono con i canestri di Foto e mantengono le distanze. Nel finale arrivano le bombe di Landi e JJ23, con quest’ultimo primo a toccare la doppia cifra, mentre sulla sirena capitan Della Rosa da distanza siderale annulla la tripla di Logan: 41-33. Al rientro dall’intervallo è un’altra Pistoia: schiacciata di Johnson, decimo punto di Brandt e tripla di Petteway e in due minuti è -4. Treviso si aggrappa a Foto per respingere l’assalto, ma TP5 sgancia un altro missile e i padroni di casa devono chiamare il minuto. Logan e Nikolic prende per mano la De’Longhi, la OriOra colpisce ancora da lontano con D’Ercole ma non basta per rimanere a contatto. Nel finale si accende Dowdell: 63-56. Logan accarezza la retina dall’arco due volte, Parks lo imita e per Pistoia si fa buio. Petteway prova a mettersi in proprio, ma ancora uno scatenato Logan e Severini cercano di mettere fine anzitempo alla contesa. La OriOra prova a non sciogliersi, l’ennesima bomba della De’Longhi con Fotu fa calare il sipario con 2’30” di anticipo.
DE’LONGHI TREVISO – ORIORA PISTOIA 87-72
(15-9, 41-33, 63-56)
TREVISO Tessitori 4, Logan 17, Nikolic 15, Parks 9, Chillo 4, Uglietti, Severini 11, Piccin, Bartoli, Fotu 17, Cooke 10. All. Menetti.
PISTOIA Della Rosa 3, Petteway 17, D’Ercole 5, Quarisa ne, Brandt 14, Salumu, Landi 5, Dowdell 9, Johnson 17, Wheatle 2. All. Carrea.
ARBITRI Gabriele Bettini, Mark Bartoli, Matteo Boninsegna.
NOTE Fuori per cinque falli: Parks e Landi. Parziali: 15-9, 26-24, 22-23, 24-16.

Questa l’analisi di coach Michele Carrea dopo la sconfitta dell’OriOra Pistoia contro la De’Longhi Treviso al PalaVerde: “I nostri avversari hanno cominciato con più desiderio di noi, dimostrando di aver compreso bene cosa devono fare per salvarsi. Complimenti a loro, ci hanno messo in difficoltà su tutti i livelli del gioco e intimoriti con il loro furore agonistico. Siamo stati troppo timorosi nelle fasi giocate: non è pigrizia, forse è paura: all’interno del nostro percorso di crescita ci può stare, ma alla lunga diventa una colpa. Treviso è stata più convinta, veloce, determinata, aggressiva ed efficace rispetto a noi. Dobbiamo prenderci le nostre responsabilità perché i demeriti di Pistoia sono evidenti. La nostra pallacanestro al momento non è fluida, mi assumo la colpevolezza su questo aspetto e devo assolutamente trovare rimedio. Evidentemente la nostra settimana di allenamento non ci prepara al livello dello scontro che troviamo la domenica e su questo dobbiamo riflettere”.

Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento