Lunghissima trasferta per il Basket Golfo

Per i gialloblu, con la trasferta a Torrenova, ritorno in Sicilia dopo oltre 20 anni
Tanto è passato dalla partita a Caltanissetta del campionato di B2 98/99. Una trasferta molto impegnativa da tutti i punti di vista, questa per i gialloblu, la squadra oggi si allenerà dalla 13.00 alle 15.00 e poi giusto il tempo della doccia e di chiudere le valige e via per Pisa, dove decollerà alle ore 18.00 destinazione Catania. Nella giornata di sabato allenamento in loco e poi trasferimento in pullman di 200 km, per recarsi al Palatorre a Torrenova, dove alle 20.30 affronterà la squadra locale. Terminata la partita di nuovo pullman per il ritorno a Catania, da dove riprenderà l’aereo per Pisa. Il tutto come antipasto di un turno infrasettimanale, che vedrà mercoledì Alessandria ospite del Palatenda e domenica il viaggio a San Miniato. La squadra arriva però all’inizio di questo tour de force in buone condizioni fisiche, con Iardella che è sulla via del recupero e con una buona dose di fiducia, grazie alla buona prestazione di Omegna e alla netta e convincente vittoria su Capo D’Orlando. Però le insidie di questa trasferta non sono solo nella fatica del viaggio, ma anche nel trovare una squadra che nelle prime due gare ha rimediato sconfitte così pesanti, che dovrà davanti al proprio pubblico dimostrare di non essere una cenerentola del campionato, una meteora, ma di poter essere in qualche modo protagonista. Certo se ci fermiamo a guardare superficialmente i risultati, 50 punti di media segnati, 90 subiti, un solo uomo in doppia cifra, Boffelli con 15.5 di media (nella foto a destra), si potrebbe sottovalutare l’avversaria. Errore che coach Andreazza ed i suoi sappiamo non sono avvezzi a fare, anche perché, andando a guardare fra le pieghe la prima partita casalinga degli isolani, vediamo una squadra che per oltre due quarti ha tenuto testa all’All Food Firenze, ma che con un passaggio a vuoto impressionante ha gettato al vento la possibilità di giocarsi fin in fondo la gara. Infatti dopo la bomba di Svoboda per il più 2 al minuto 23, si è spenta la luce, 7 palle perse, 2 stoppate subite e 1 solo punto segnato in 7’, con un parziale di 23 a 1 per i fiorentini, che ha chiuso la partita. Ad Empoli provano a rialzare subito la testa, con grande grinta, ma i soli due punti segnati, dopo ben 7 rimbalzi offensivi conquistati ad inizio partita, sono una mazzata che gli uomini di coach Jorge Silva non riescono a somatizzare e crollano clamorosamente. Piombino va ovviamente in campo da favorita e con l’obbligo di portare a casa i due punti, ma dovrà giocare con la stessa intensità che ha messo con le precedenti avversarie, per evitare sgradite sorprese. La difesa gialloblu dovrà neutralizzare il pericolo numero uno avversario, Santiago Boffelli, ma attenzione anche ad Ariel Svoboda, non inganni la sua falsa partenza (17% nel tiro dal campo), è guardia che se in serata può fare molto male, ma il reparto esterni piombinese è molto efficace dal punto di vista difensivo e non sarà facile scardinarlo. Persico Eliantonio e Riva troveranno di fronte il buon atletismo di Obinna (nella foto a sinistra), Drigo e D’Andrea, che però pagano sicuramente dazio in termini di potenza ed esperienza, ma l’ultima parola va come sempre al campo.
È prevista la diretta sul canale della Lega.

Stefanini Stefano
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento