Header Ads

La Scotti perde ma non sfigura con la corazzata Venezia


L'Umana espugna il pala Sammontana come da pronostico interrompendo la striscia di sei vittorie consecutive delle biancorosse. Ora due gare decisive
In questi casi si suol dire che la squadra che perde, come logico che sia, è uscita a testa alta dal confronto e l’espressione, seppur abusata, è ancora una volta perfetta per raccontare il 58-74 col quale la corazzata Umana Reyer Venezia espugna il Pala Sammontana, interrompendo la striscia di sei vittorie consecutive della Scotti. Uno stop ampiamente annunciato, quello delle biancorosse, che però riescono a reggere il confronto con la prima della classe giocando la propria partita e facendo le cose che coach Cioni aveva chiesto alla vigilia. Soprattutto dal punto di vista difensivo, la squadra gioca una buona gara che la proietta ora alla fase decisiva del campionato, le due partite con San Martino fuori e Geas Sesto in casa che decideranno il piazzamento finale e la posizione nella griglia playoff. Fagbenle e Ravelli danno il via alle danze con Mathias che prova a contrastare lo strapotere fisico delle avversarie segnando il 5-6. Qui arriva il primo strappo Umana (5-11) a cui la Scotti replica con Premasunac e con un’ispiratissima Chagas al termine di un bel contropiede concluso con un sottomano dall’argentina. Al 10’ siamo 14-19 e Premasunac, lottando sotto le plance con la consueta grinta, segna il 16-19. Attura con 5 punti ispira un parziale veneto ed è ancora Chagas che prova a rintuzzare dall’arco: 19-26. Qui la gara si riscalda un po’ per alcuni fischi che non piacciono a coach Cioni che protesta prendendo un tecnico e così, nonostante la tripla sulla sirena da metà campo di Smalls, si va al riposo sul 27-41. Al ritorno in campo subito Mathias a segno, ma nel giro di un paio di minuti arriva il terzo fallo sia dell’americana che di Premasunac. Le triple consecutive di Carangelo e Natali sono una mazzata per a Scotti che si ritrova sotto 34-53 ed al 30’ per 40-57. Nell’ultima frazione l’Use Rosa continua comunque a giocare fino in fondo e, mantenendo alta l’intensità difensiva come chiesto da coach Cioni alla vigilia, fa suo il parziale chiudendo la gara sul 58-74.
58-74
USE SCOTTI ROSA Smalls 15, Premasunac 4, Baldelli 2, Ravelli 5, Mathias 10, Ruffini, Lucchesini 2, Chagas 15, Manetti 2, Narviciute 3. All. Cioni (ass. Cesaro/Ferradini/Giusti)
UMANA REYER VENEZIA Carangelo 15, Ntali 3, Petronyte 4, Fagbenle 11, Penna 6, Bestagno 2, Howard 13, Pan 6, Meldere, Attura 14, Leonardi. All. Ticchi (ass. Romano/Pernias)
Arbitri: Tallon di Bologna, Di Marco di Ferrara e Castellaneta di Bolzano
Parziali: 14-19, 27-41 (13-22), 40-57 (13-16), 58-74 (18-17)
Le statistiche della partita: https://www.fibalivestats.com/u/LEGBF/1743803/bs.html

USE Basket

Nessun commento

Powered by Blogger.