Header Ads

Endiasfalti Agliana, esordio perfetto nella poule promozione. Legnaia va ko


Inizia al meglio la poule promozione della Endiasfalti Agliana. La truppa di coach Mannelli espugna col punteggio di 60-79 un parquet storicamente ostico come quello dell'Olimpia Legnaia e si porta al secondo posto al pari di Virtus Siena. La miglior difesa del campionato si deve arrendere alle bocche da fuoco neroverdi che indirizzano il match su binari favorevoli già nel secondo quarto. Super prova di Emanuele Rossi che, oltre ai soliti 26 punti, cattura ben 12 rimbalzi. I neroverdi riescono a portarsi in vantaggio già alla fine del primo quarto il vantaggio grazie a un canestro di Cavicchi dall’angolo che dà il via alla fuga, poi nel secondo periodo le due bombe di Nieri e la fisicità di Tuci incrementano il divario. Infine è Rossi a far calare il sipario portando Agliana sul +23. La difesa a tutto campo di Legnaia accorcia il gap, ma non basta perché un chirurgico Nieri (20 punti) dalla lunga distanza rimette 21 punti tra Legnaia e Agliana e chiude i giochi. «È stata un’ottima partita – spiega coach Mannelli -. I ragazzi sono stati disciplinati e hanno rispettato il piano partita alla perfezione sistemando via via anche quegli aspetti che nel primo quarto non erano andati nel migliore dei modi. Siamo rimasti uniti durante tutto l’arco dei quaranta minuti cercandoci e aiutandoci l’un l’altro, questo ha abbassato le percentuali di Legnaia e ci ha permesso di segnare 79 punti su un parquet che è da sempre difficile per tutti gli attacchi». «La gara è stata maschia fin dall'inizio e noi siamo riusciti a metterci sul piano della battaglia giocando con la nostra fisicità e con i nostri punti di forza. Qualcuno è entrato in gara da subito, qualcuno ha avuto bisogno di più tempo però alla fine ognuno ha contribuito alla vittoria col proprio mattoncino. Per noi era fondamentale partire bene in questa poule promozione, sappiamo che niente ancora è fatto e che sono ancora molti gli aspetti da sistemare però – conclude l’allenatore della Endiasfalti - a questo ci penseremo in settimana in palestra perché ormai il nostro pensiero è già rivolto alla partita di domenica».
LA CRONACA
La gara del PalaFilarete parte, come da pronostico, in maniera molto equilibrata con le due formazioni che sembrano studiarsi come pugili sul quadrato. Si risponde colpo su colpo e si tira poco dalla lunga distanza. A dare il primo strappo alla partita è la Endiasfalti con il canestro dall'angolo di capitan Cavicchi (15-17). Da lì in poi i neroverdi chiudono con i liberi di Cantrè e Rossi e fanno 17-22 dopo 10' di gioco. Ad aprire il secondo periodo è Nieri (precisissimo, 100% dal campo dopo 20') che piazza due bombe che consentono ad Agliana di andare sul +10 (18-28). Nel periodo centrale del quarto, prima di lasciare la parola a Rossi, è Tuci a fare la voce grossa sotto le plance subendo 3 falli in pochi minuti e realizzando tutti e 6 i tiri liberi. A ridosso dell’intervallo lungo, i due consegnano alla Endiasfalti un vantaggio rassicurante sul 31-45. La terza frazione, invece, è a due facce. La partenza sorride in maniera netta agli ospiti. Zita prima, Rossi poi e infine la bomba di Cantrè fanno volare la Endiasfalti oltre il ventello di vantaggio, fino al 37-60. Successivamente, però, Legnaia riesce a piazzare un break chiudere al 30’ sul 49-67. Superata la tempesta Bogani in penetrazione e Nieri dalla lunga distanza consegnano nuovamente il +21 alla Endiasfalti quando mancano sette giri di lancette alla fine. Questo solco creato consente ad Agliana di gestire al meglio i minuti finali per portare a casa la partita sul 60-79.
TABELLINO
Olimpia Legnaia - Endiasfalti Agliana 60-79 (17-22; 31-45; 43-67)
Legnaia: Bandinelli 7, Pineschi NE, Spillantini 12, Cambi 2, Cioni, Nardi 4, Susini 2, Rosi, Del Secco 2, Calugi 8, Andrei 4, Mascagni 19. All. Zanardo
Agliana: Zita 4, Bogani 10, Rossi 26, Gherardeschi NE, Bogani, Razzoli, Covino, Nieri 20, Tuci 12, Cavicchi 2, Salvi NE, Cantrè 5. All. Mannelli

Ufficio Stampa Pall. Agliana 2000

Nessun commento

Powered by Blogger.