Header Ads

Basket e solidarietà, svelati i primi dettagli del charity project biancorosso


È stato presentato nell’auditorium Tiziano Terzani della Biblioteca San Giorgio, il charity project del Pistoia Basket 2000, un programma di sostegno e collaborazione interamente dedicato al mondo dell’associazionismo. A partire dalla gara interna contro l’Urania Milano e per tutte le restanti partite interne del campionato in corso, la società biancorossa ospiterà una realtà del territorio che si occupa di assistere o curare persone affette da disabilità o patologie invalidanti. L’obiettivo è quello di offrire alle associazioni coinvolte la possibilità allargare i propri confini e farsi conoscere presso una platea più ampia ed eterogenea. Per illustrare i dettagli dell’operazione erano presenti il direttore generale del Pistoia Basket Maurizio Laudicino e il responsabile del progetto Luca Ciani. A fare gli onori di casa ci ha pensato la direttrice della San Giorgio Maria Stella Rasetti: «Il Pistoia Basket è un alleato della biblioteca – ha dichiarato la dirigente – ne siamo orgogliosi e lieti anche perché questo ci permette di rompere lo stereotipo secondo il quale lo sport e la cultura non vanno d’accordo. In realtà vanno d’accordissimo e la nostra alleanza ne è testimone: il legame tra le nostre realtà nasce proprio per condividere percorsi di cittadinanza attiva come questo e quindi siamo lieti di accogliervi e affiancarvi». «Essere qui ha un significato altamente simbolico – ha dichiarato Maurizio Laudicino – nella casa della cultura presentiamo un progetto di solidarietà attraverso lo sport. Che prima di essere agonismo è senso di appartenenza, gioia, piacere di stare insieme. Lo sport può e deve essere uno strumento per abbattere tutte le barriere, siano esse culturali o psicologiche. Ci auguriamo che aprire le nostre porte a tutte le associazioni del territorio che si spendono nel volontariato possa rappresentare un segnale che partendo da Pistoia possa trovare sponda anche in altre realtà». «Il basket e l’attenzione al sociale sono le mie due più grandi passioni – ha spiegato Luca Ciani – per cui sono grato al Pistoia Basket 2000 che mi offre l’opportunità di fare quello che più mi piace: avvicinare questi due mondi per far sì che persone meno fortunate possano sentirsi meno sole e avere uno stimolo in più per affrontare le loro difficoltà quotidiane, e allo stesso tempo fare informazione presso il bacino di utenza della pallacanestro che è grande e sa essere sensibile. Credo che questo progetto porterà vantaggi a tutti, oltre a riempire il cuore di tutti i protagonisti».

Pistoiia Basket 2000

Nessun commento

Powered by Blogger.