Header Ads Widget

Il Drago e la Fornace ancora a segno 65-42


Ancora molte assenze tra le file delle senesi, tra cui Barbucci, Renzoni e Rinaldi
IL DRAGO E LA FORNACE COSTONE SIENA: Sardelli 9, Pastorelli 6, Dragoni 17, Nanni 10, Pierucci 6, Sabia 7, Bonaccini V., Lippi, Posta 6, Sposato 2, Bonaccini G. 2, Balestrazzi C. All. Meoni
GEA GROSSETO: Cipolletta 3, Moscatelli 2, Bollocchi 4, Nunziatini 9, De Michele 7, Perillo 16, Faragli 1, Lambardi. All. Faragli
ARBITRI: Signori e Tabarin
Parziali: 16-12, 29-15, 44-35
Tutto facile, o quasi, per il Drago e la Fornace Costone che archivia la pratica Gea Grosseto con qualche difficoltà di troppo, rimediando anche l’espulsione di coach Marco Meoni avvenuta all’inizio della 3^ frazione, a seguito di reiterate proteste nei confronti dei direttori di gara. A parte questo sussulto, la gara non ha mai avuto tensioni particolari. Grosseto giungeva a Siena con 0 punti in classifica, ma va riconosciuto alle biancorosse di coach Faragli di aver lottato fino all’ultimo respiro. Molto bene le ospiti nella prima frazione di gioco che per nulla intimorite riescono a mantenersi a stretto contatto di gomito con le padrone di casa (13-12 al’8’). Poi nella 2^ frazione, le senesi provano ad allungare, andando al riposo sul +14. Nel terzo periodo come detto, arriva l’espulsione del tecnico costoniano che proseguirà a seguire la gara dai finestroni della segreteria che si affacciano sul campo di gioco. Tocca dunque al suo assistente Nencini dirigere le operazioni dalla panchina, ma la partita rimane sempre sotto controllo delle giocatrici bianconere, eccetto l’inizio dell’ultima frazione, quando a causa di un calo di tensione, la Gea riesce a farsi minacciosa risalendo fino al -6 del 32’ (44-38). Un canestro provvidenziale di Nagaja Sardelli e le solite incursioni sotto canestro di Arianna Dragoni, ridanno respiro respiro alla formazione di casa, poi la Gea si scompone, lasciando via libera al Drago e la Fornace che ristabilisce le distanze fino al +19 del 38’ (61-42) e partita che in pratica non ha più niente da dire.

Costone Siena

Posta un commento

0 Commenti