Header Ads Widget

La prima mossa del Basket Golfo è Alessandro Azzaro


Un lungo d’esperienza la prima pedina sullo scacchiere gialloblu
Inizia il mercato della società di patron Lolini. Coach Cagnazzo e il DS Cecchetti iniziano a plasmare quella che sarà la squadra che dovrà cercare di conquistare la nuova B d’eccellenza. La prima mossa fa capire da subito, come si cerchino giocatori di sostanza e con specifiche caratteristiche, che vadano a migliorare i difetti della squadra. Le sue caratteristiche: Alessandro Azzaro è un centro di 202 cm per 100 kg, nato a Messina il 22/12 93. Lungo ben messo fisicamente, ma dalla notevole dinamicità ed eclettismo, capace infatti di colpire sia da sotto, che dalla media, ma anche dalla distanza. Ne sa qualcosa il Golfo, contro cui, nei recenti quarti playoff, ha fatto 5 su 11 da tre. Può quindi coprire all’occorrenza anche il ruolo di ala piccola, in un quintetto con più centimetri. Una delle caratteristiche che lo ha messo nel mirino del Golfo, è sicuramente la buonissima predisposizione alla difesa, dove abbinando fisicità e rapidità di gambe, può difendere su qualsiasi avversario. La sua carriera: dopo il minibasket a Messina, emigra, a soli 13 anni, verso Bologna, sponda Fortitudo, dove fa tutto il suo percorso nelle giovanili, debuttando in DNB a 18 anni. Finito l’iter giovanile, torna a Messina, dove disputa un campionato di C, per poi passare a Fabriano, sempre in C e di seguito in A2, a Reggio Calabria, per due anni. Dal 2015/16 in avanti giocherà sempre in B, conquistando 4 volte i playoff, con due semifinali, nei 7 campionati disputati, ottima percentuale, considerando che in quello sospeso, era con Nardò in piena zona playoff. Per due volte, ha raggiunto la doppia cifra, a Taranto nel 2016/17 con 11.1 e 8.4 rimbalzi e a Giulianova, nel 2018/19, con 12.2 e 6.4 rimbalzi, ma viaggia sempre vicino alla doppia, anche negli altri anni. Le sue percentuali al tiro, vedono quella da due, mai sotto il 51%, quella da tre, oscillare fra un 27% e un 32%, buon dato per un lungo, unico neo, le percentuali non altissime dai liberi. La sua annata migliore per rendimento, in rapporto al minutaggio, è però la seconda a Taranto, due anni fa, contribuendo significativamente ai risultati di squadra, terzo posto in regular season, semifinale playoff e qualificazione alle finali di Coppa Italia. Per lui, semifinale playoff anche nel passato campionato, a San Vendemiano, con uscita a gara cinque contro Vigevano. In stagione segna poco, 6.6 di media, ma con minutaggio più basso delle precedenti, molto brillante da due, col 54%, 27% da tre e migliora ai liberi, con un buon 72%. Fa benissimo però nel finale, segnando 11 punti di media nel quarto contro Piombino e oltre 8 di media ai playoff. Le considerazioni di coach Cagnazzo: “ Alessandro è stato il nostro primo obiettivo di mercato, cercavamo un lungo duttile, che potesse apportare, atletismo, attitudine al rimbalzo e alla fase difensiva. Siamo molto soddisfatti di aver centrato questo obiettivo e non vediamo l’ora di averlo con noi e di lavorare insieme”

Stefanini Stefano (area comunicazione Basket Golfo)

Posta un commento

0 Commenti