Header Ads Widget

Laura Manetti: rimbalzi, punti e quel sogno realizzato


Dopo la vittoria con Vigarano: "Sin da ragazzina sognavo di diventare capitana. Prendere rimbalzi è il contributo che posso dare alla squadra". Cvijianovic e Stoichkova in Nazionale, sabato si anticipa in casa con Savona
Vola sulle ali dell’entusiasmo, l’Use Rosa Scotti. La vittoria con Vigarano rappresenta un momento importante per la crescita di questo gruppo che, col passare delle giornate, acquista sempre più la consapevolezza nei propri mezzi. Anche se restare con i piedi per terra è sempre la regola numero uno di questo gruppo, un po’ il petto è anche legittimo gonfiarlo e nessuno meglio della capitana Laura Manetti può rendersi interprete del clima che si respira nel gruppo. “C’è un bell’ambiente dentro lo spogliatoio – spiega – ed anche in generale attorno a noi. E’ una cosa della quale avevamo un gran bisogno, non ce lo possiamo nascondere. Dopo la retrocessione dello scorso campionato è bello vedere il palazzetto pieno e tanto entusiasmo. Ora siamo prime ma alla classifica non pensiamoci. Dobbiamo e possiamo migliorare ed è questa la cosa che conta”. Con Vigarano, la partita perfetta di Laura? “Perfetta ancora no, ho cercato di dare la continuità che mancava. Soprattutto devo lavorare sui rimbalzi perché quello è il contributo importante che posso dare alla squadra. Poi i punti vengono dalle situazioni che si creano giocando insieme e quindi il merito è di tutte le compagne. Quest’anno ho più minuti e responsabilità ed è una cosa che sento anche a livello mentale. La cosa che mi fa piacere è che avverto la fiducia della squadra nei miei confronti e questo mi dà fiducia. Le compagne credono in me e cerco di ripagarle. Poi c’è anche il fatto dei gradi di capitana, una cosa che sognavo da quando venivo da ragazzina al palazzetto e vedevo giocare Sharon, Serena o Guia. Non l’avevo mai detto, ma l’ho sempre desiderato e questo è un grande motivo di soddisfazione per me”. Intanto nel prossimo turno il calendario propone un nuovo impegno in casa. Sabato alle 17.30 al Pala Sammontana arriva Savona per una partita anticipata per le convocazioni in Nazionale di Cvijianovic e Stoichkova, un’altra soddisfazione che si aggiunge alle tante di questo momento. Ora, però, si guarda a Savona: piedi per terra e lavorare.

USE Basket

Posta un commento

0 Commenti