Header Ads Widget

Consegnati alla Pediatria dell’ospedale San Jacopo i peluche raccolti per il “Teddy Bear Toss”


Sono stati consegnati questa mattina, giovedì 22 dicembre, al reparto Pediatrico dell’Ospedale di Pistoia i peluche lanciati dal pubblico durante la partita di domenica 18 dicembre tra Pistoia Basket e RivieraBanca Rimini. Al primo canestro realizzato, infatti, un’autentica pioggia di pupazzi si è riversata sul parquet insieme ad un caloroso applauso a tutto il Reparto di Pediatria. I peluche sono stati rapidamente raccolti e sono stati portati direttamente in Pediatria da una delegazione della squadra pistoiese per donarli ai bambini ricoverati, e ai piccoli pazienti nelle sale d’attesa degli Ambulatori specialistici. I peluche sono stati consegnati da Massimo Capecchi, presidente di Pistoia Basket, Maurizio Laudicino, responsabile marketing, Marco Sambugaro, direttore sportivo, Andrea Tronconi, team manager, e dai giocatori Gianluca Della Rosa e Daniele Magro. Erano presenti il direttore della struttura complessa di pediatria, il dottor Rino Agostiniani, insieme al personale infermieristico e in rappresentanza della direzione sanitaria del presidio il dottor Leonardo Capecchi, che hanno sentitamente ringraziato. “Nel periodo natalizio venire qui a consegnare i peluche è davvero emozionante – il commento del presidente del Pistoia Basket 2000, Massimo Capecchi – per chi fa sport la parte sociale deve sempre rivestire molta importanza: niente di meglio che cercare di far qualcosa per alleviare le problematiche che riguardano i bambini ed è un momento molto importante per tutti noi”. “Siamo contentissimi per il risultato ottenuto – aggiunge il responsabile marketing, Maurizio Laudicino – ringraziamo il pubblico biancorosso: noi abbiamo soltanto portato a destinazione i regali che i nostri tifosi hanno voluto fare al reparto di pediatria dell’ospedale San Jacopo di Pistoia. Ringrazio il dottor Agostiniani per l’accoglienza che è sempre molto calda e siamo felici di aver fatto un piccolo gesto per quei bambini che in questo momento ne possono avere bisogno”.

Comunicato stampa congiunto con Asl Toscana Centro

Posta un commento

0 Commenti