Header Ads Widget

Tutto in una notte: ecco il quarto di finale di Coppa Italia per la Giorgio Tesi Group in casa della Vanoli


Nemmeno il tempo di digerire panettone e spumante che, per la Giorgio Tesi Group, è tempo di rimettere piede in campo per la parentesi di Coppa Italia. Rispetto alla passata edizione il format è cambiato: non c’è più la Final Eight ma il quarto di finale che stabilirà le quattro squadre che andranno dirette alla Final Four di marzo. I biancorossi si giocheranno la qualificazione nella sfida “senza ritorno” del PalaRadi (palla a due mercoledì 28 dicembre ore 20.45) contro la Vanoli Cremona, seconda al termine del girone d’andata nel girone “Verde” alle spalle di Cantù. La squadra si presenta al completo dopo aver fatto un paio di giorni di riposo per Natale e senza niente da perdere: in palio, infatti, c’è un traguardo prestigioso ed importante che coach Nicola Brienza, e tutto il roster a sua disposizione, vuole provare a conquistare. Away sponsor della sfida: B&G Materiali Edili. Arbitri dell’incontro: Stefano Wassermann (Trieste), Salvatore Nuara (Treviso), Francesco Cassina (Monza Brianza). LA RIPARTENZA Prima della partenza per Cremona, il tecnico biancorosso ha tenuto la consueta conferenza stampa prepartita. “Stiamo bene – il commento di Brienza – abbiamo fatto due giorni di riposo, sia a livello mentale che fisico mi sembrano tutti sul pezzo e pronti per giocarci questo accesso alle Final Four. Per quanto riguarda l’andamento della stagione, devo dire che la possibilità di disputare un match ufficiale di questo livello è positivo perché è come se non facessimo mai fatto pause e, di conseguenza, la concentrazione resterà molto alta. Sulla gara in se per se, è uno spareggio: si incontrano le migliori otto squadre dei due gironi, sia a livello di qualità degli avversari che di pallacanestro e sono convinto che ci saranno quattro partite avvincenti e di qualità. Col dovuto rispetto che ho per Cremona, si va lì per vincere e provare a fare una grande partita dove non c’è un domani: si gioca a mente libera con l’obiettivo di fare un errore in meno degli avversari che ti può permettere di espugnare un campo fino ad oggi inviolato”. I “SEGRETI” DELLA VANOLI. Massima attenzione alla dinamicità di una squadra che, nel proprio girone, sta tallonando come da previsione l’Acqua San Bernardo Cantù (fra l’altro battuta nello scontro diretto). “A inizio anno Cremona è stata accreditata dei favori del pronostico con Udine e Cantù con obiettivi di promozione dichiarati – ha aggiunto Nicola Brienza – Hanno avuto la sfortuna del ko di Trevor Lacey che, però, è stato sostituito da un giocatore di grande qualità ed esperienza come Tabù. In più ci sono atleti esperti come Cannon o Mirza Alibegovic unitamente a giovani di notevole interesse. Hanno molte armi tattiche e qualità da mettere in campo anche se ritengo che, noi e loro, siamo due squadre abbastanza simili alla voce atletismo con la differenza che loro sfruttano questa qualità nei lunghi mentre noi leggermente di più nel ruolo delle ali. Alla fine, questa energia è alla base dei rispettivi risultati conquistati finora e dovremo essere bravi a giocare contro la loro pressione e intensità fisica provando a pareggiarla: se ci riusciremo, ce la potremo giocare fino alla fine”.

Pistoia Basket 2000

Posta un commento

0 Commenti