Header Ads Widget

Gema a Pavia per la prima sfida del 2023


GEMA IN VIAGGIO PER PAVIA NELLA PRIMA SFIDA DEL 2023: DEBUTTO PER I NUOVI ACQUISTI, IL SALUTO A GUERRA
Dopo la lunga pausa delle festività natalizie, a oltre venti giorni dall'ultima vittoria casalinga con Oleggio, per Gema Montecatini è tempo di riaffacciarsi al campionato di serie B. La prima sfida è di quelle impegnative, al Pala Ravizza di Pavia (domenica alle 18, diretta Lnp Pass) contro una formazione che fin qui ha vinto sette volte su tredici, andando forse oltre alle previsioni di inizio stagione. Per i rossoblù di Massimo Angelucci, sarà la prima volta con il nuovo assetto e con i due Marco, Laganà e Di Pizzo, arrivati a fine 2022 ad arricchire il roster. Gema ha salutato invece Filippo Guerra (esercitata l'opzione di uscita dal contratto in scadenza il 15 gennaio), che si è già accasato ad Ancona (girone C), ringraziandolo di cuore per il grande contributo offerto in questi mesi, non solo sul parquet. "Pavia è una squadra che finora è andata molto bene, ha vinto 7 partite e se l'è giocata con tutti: sta facendo un ottimo campionato - sono le parole del coach della Gema, Massimo Angelucci - Non partiva forse con l'idea di stazionare nelle prime otto in classifica, sul campo però sta facendo bene e i risultati confermano la qualità del roster. I giocatori più pericolosi sono Coviello e Giampieri, giocatori di categoria che hanno sempre fatto ottime cose ovunque abbiano giocato. Sono entrambi grandi realizzatori, con Coviello adattato anche da 4 con ottimi risultati. Il roster è completato da ragazzi giovani: spiccano gli esterni Gallizzi e Abega, giocatori veloci e intraprendenti con un buon tiro da tre". Angelucci si sofferma anche sul lungo di ruolo di Pavia. "L'unico vero centro è De Gregori, un classe 1998, che sta giocando molto bene siglando medie importanti in punti e rimbalzi e su cui dovremo concentrarci molto a livello difensivo. Pavia gioca un buon basket, coinvolgendo tutti con efficacia. Mandano di media sei giocatori in doppia cifra, si passano la palla, si coinvolgono, sono in fiducia. Hanno un giocatore importante come Potì che è infortunato da inizio stagione, ma hanno sopperito all'assenza adattandosi a giocare con quintetti diversi e con giocatori pronti a giocare in più ruoli. Non è una squadra profonda ma quadrata e ben allenata, e soprattutto non è facile da affrontare in casa loro", ha concluso Angelucci. La squadra verrà seguita a Pavia da un pullman di tifosi e da diverse auto private in questo primo match del 2023, a cui seguirà l'ultima partita del girone d'andata, prevista sabato 14 gennaio alle 21 al Palaterme contro Borgomanero.

Matteo Baccellini
Comunicazione - Gema Montecatini

Posta un commento

0 Commenti