Header Ads Widget

Laurenziana – Proget Impianti Olimpia Legnaia 73 – 60


Si confermano le difficoltà per la Proget Impianti Olimpia Legnaia che, in una partita particolarmente nervosa, cede ancora una volta nell’ultimo quarto contro i cugini della ASD Laurenziana Basket Firenze.
PROMOZIONE – PRIMA FASE – GIR. B / 12º GIORNATA
Sabato 14 Gennaio 2023 @ PalaValenti
LAURENZIANA-OLIMPIA LEGNAIA 73-60
(27-20, 42-33, 57-54, 73-60)
LAURENZIANA Pieri 27, Ermini 19, Lerede 7, Berti 5, Goti 3, Ek 9, Casangeli 2, Briccoli 1, Novori, Albini, Checcacci, Mugnaini. Coach: Paole
tti Ass. Giannini PROGET IMPIANTI OLIMPIA LEGNAIA Macchia 17, Pandi 13, Cambi 11, Carli 10, Gerbi 9, Mercado, Jakoberaj, Bellucci, Masi, Frosini, Ceccarelli, Becocci. Coach: Deza Linares Ass. Lupori
Parziali: 27-20, 42-33, 57-54, 73-60.
Arbitri: Sizzi di Prato e Ricca di Scarperia e San Piero (FI)
Prime battute di gara dove i ragazzi di coach Deza Linares cercano subito di partire alla massima intensità. Il quintetto iniziale ben figura: subito Macchia con un piazzato, seguito poi da Carli, che alza la posta con una tripla, sembrano portare il match sui binari giusti. Il fallo e canestro conquistato Pieri dà il giusto slancio anche a Laurenziana. Equilibrio che si infrange dopo circa 5 minuti. Ek e Lerede sorprendono in velocità la difesa ospite culminando due azioni rapide che daranno linfa ad un break letale al quale proveranno a metterci una pezza, con le loro triple, Pandi e lo stesso Macchia. Nella seconda frazione ci sarà da aspettare il ritorno in campo dei 5 che hanno aperto il match per rivedere la reazione legnaiola. Un problema non da poco è stata proprio la scarsa produzione offensiva da parte dei subentrati che ora con Jakoberaj, ora con Bellucci, non sono stati in grado di incidere. Carli, in avvio, si conquista un prezioso fallo e canestro ma non basta a contrastare un Ermini in pieno stato di grazia. Quest’ultimo con due triple e due viaggi dalla lunetta pienamente sfruttati, apre e chiude il quarto per Laurenziana portando il parziale sul 42 a 33 all’intervallo. Se la speranza potesse avere un secondo nome questo sarebbe sicuramente quello di Macchia, volto della rinascita giallo-blu nel terzo quarto. Secondo tempo dove finalmente i legnaioli riescono a sistemare le lacune difensive e ripartire assottigliando progressivamente lo svantaggio. Si rivede anche Cambi che conferma quanto di propositivo era stato fatto nella prima frazione. Ad evitare il sorpasso ospite ci pensa il capitano della squadra di casa, Berti, che con una tripla a pochi possessi dallo scadere porta i suoi sul risultato, adesso in bilico, di 57-54. Come purtroppo abbiamo visto più di una volta in questo campionato, i ragazzi di coach Deza Linares affondano spesso nell’ultimo quarto e in questa partita non si verificano purtroppo eccezioni. Complice un match nervoso fin dalle prime battute, che ha portato, a lungo andare, la squadra ospite a collezionare ben sei falli tecnici dovuti a proteste nei confronti dell’arbitro a seguito di decisioni limite fischiate in favore della squadra di casa, i giallo-blu non vanno oltre un magro bottino di 6 punti messi a referto, per la maggior parte da Gerbi. Dall’altra parte, Laurenziana chiude presto l’incontro incrementando il vantaggio fino al 73-60 finale.

Olimpia Legnaia Basket Firenze

Posta un commento

0 Commenti