Header Ads Widget

Serie C Gold: sconfitta pesantissima per il Bama a Cecina. I rosablu cedono 104 a 63 (-41)


CECINA BASKET 104
BAMA ALTOPASCIO 63
(23-17;52-32; 85-52; 104-63)
Arbitri: Biancalana e Agnorelli
CECINA:Ticà 2, Pellegrini 2, Bartoli 3, Mezzacapo 8, Guerrieri 15, Cosimi 4, Bruni 7, Puccioni 17, Bracci 12, Pistillo 11, Turini 15, Pistolesi 8. All. Da Prato
BAMA:Creati F. 8, Creati M. n.e., Mencherini 19, Bini Enabulele 14, Arrabito 7, Nannipieri 6, Lorenzi 8, Biondi, Ghiaré, Mandroni 1, Solomon. All. Pistolesi
“E tutto va … come deve andare…” cantavano 22 anni fa gli 883. Sì, tutto è andato secondo le previsioni a Cecina, contro una squadra forte, profonda e ben allenata da coach Da Prato. Magari non era nelle previsioni stabilire il record di gap passivi della storia rosablu. Con il -41 Bini & co. hanno superato infatti il -37 (83-46) subito a Firenze dal Pino Dragons nel 2018. Per la serie “I record che non vorresti mai battere”. Fatto sta che le assenze di Marco Creati e Salazar, la panchina ridotta all’osso e la grigia condizione complessiva dopo il megastop natalizio, uniti all’ottima prova corale degli avversari, hanno generato l’imbarcata. La difesa fisica di Cecina ha costretto spesso il Bama ad improvvisare, e per farlo devi essere in un ottimo momento, altrimenti queste sono le conseguenze. In più il team di Da Prato ha riscoperto un fattore essenziale, ormai dimenticato nell’overdose dei disutili video tattici attuali: il contropiede primario. Ad ogni tiro altopascese un giocatore o due di Cecina sprintavano come se non ci fosse un domani verso il canestro, per essere serviti di prima intenzione, o, nel caso, in transizioni ad alta velocità. Cose belle a vedersi per chi ama la palla a spicchi. Questo è il sunto della gara e addentrarsi nella cronaca sarebbe come parlare di corda in casa dell’impiccato. Il Bama inizia col piglio giusto portandosi sul 6-10, ma alcuni contropiedi fulminanti, appunto, di Cecina danno un 10 a 0 interno (16-10). La franchigia del Tau resta aggrappata al match fino al primo fischio (23-17). Da lì in poi la circolazione di palla supersonica di Cecina e le mani calde dal perimetro scavano il +20 all’intervallo (52-32). Terza frazione: pronti via e 12 a 0 di parziale cecinese (64-32). Match finito. C'é anche l’esultanza del numeroso pubblico presente al superare dei 100 punti. Paste in settimana per Bruni e soci. Lavoro tattico/fisico e motivazionale per ritrovare la miglior condizione possibile per i rosablu. E soprattutto per ritrovare l’entusiasmo fuggito via dopo la sciagurata sconfitta casalinga con il Don Bosco Livorno. E le perniciose conseguenze che ne sono derivate. Alla fin fine il Bama finisce il girone di andata in 10/11esima posizione. In linea, al momento, con gli insperati obiettivi agostani.

Bama NBA Altopascio

Posta un commento

0 Commenti