La All Food Fiorentina torna alla vittoria travolgendo Oleggio

Niccolai: “Bella reazione. Intensità ed energia per 40"
La All Food Fiorentina torna alla vittoria e sul proprio campo travolge Oleggio. “Siamo stati bravi nel rimanere concentrati tutta la partita – commenta Andrea Niccolai -: volevamo giocare 40 minuti intensi, di aggressività e di determinazione, e lo abbiamo fatto. Abbiamo giocato una partita davvero seria, senza mai mollare, anche perché ogni possesso è importante per inserire al meglio Momo Touré, e per migliorare i nostri equilibri di partita in partita”. Un successo che fa dimenticare le due sfortunate trasferte di Omegna e San Miniato: “C'era certamente la voglia di tornare alla vittoria – ha proseguito il coach - e la rabbia per due sconfitte per certi versi anche immeritate: abbiamo giocato due partite di spessore, a causa delle assenze ci è mancata qualche rotazione per gestire al meglio il minutaggio delle guardie, con un pizzico più di precisione al tiro potevamo portarne a casa almeno una, ma in entrambe abbiamo sfiorato la vittoria. Quindi c'era la voglia di dimostrare che la squadra è solida ed in salute: Oleggio è una buona squadra, in trasferta ha messo in difficoltà Piombino, in casa ha battuto Omegna e Alba. Certamente la partita di domenica dopo il primo tempo è andata in discesa, però da parte dei ragazzi è arrivato un segnale di grande serietà e voglia di vincere, ma su questo non avevo il minimo dubbio". Anche contro Oleggio i viola hanno dovuto fare i conti con l'assenza di Savoldelli, ultimo di una lunga lista di indisponibili nelle ultime settimane. Spiega Niccolai: “Purtroppo quest'anno fino ad adesso non siamo stati fortunati: abbiamo avuto fuori Nicola, che spesso quest'anno è stato un giocatore decisivo, in un momento molto delicato della stagione. È un dato di fatto che le nostre sconfitte sono arrivate con l'assenza di giocatori importanti: a Varese senza Cuccarolo, ad Empoli senza Vico, le ultime due senza Savoldelli; con Piombino Seba e Iattoni erano in condizioni davvero precarie. Questo però non è mai stato un alibi, la squadra ha sempre reagito alle assenze con l'atteggiamento giusto e con partite di sostanza. Adesso ci piacerebbe finalmente giocare al completo questi due ultimi mesi per competere al meglio e misurarci poi ai playoff con le più forti". Per la Fiorentina si avvicina la sfida delle Final Eight di Coppa Italia, ma restano altri due appuntamenti importanti prima della partenza per Porto Sant'Elpidio: “Domenica – conclude Niccolai - abbiamo la difficile sfida a Cecina contro una squadra rivoluzionata ed in netta ripresa, poi in casa con Montecatini, solo dopo potremo pensare alla Coppa Italia. Sarà un'esperienza di gruppo importante, perché staremo insieme per alcuni giorni, sentiremo l'odore del basket di vertice della serie B, e ci confronteremo con le squadre più importanti, costruite per vincere; e sarà un modo per vedere cosa ci manca per essere a quel livello, fermo restando che vogliamo provarci sempre e magari prenderci la soddisfazione di ribaltare qualche pronostico".

Omero Cambi
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento