Il Drago e La Fornace, finale scoppiettante

Le senesi, spronate da Arianna Dragoni, superano nel finale le liguri del Basket Pegli e tornano a muovere la classifica
63-55
IL DRAGO E LA FORNACE: Bonaccini 6, Dragoni 26, Renzoni 10, Poletti 11, Bianconi 3, Sardelli, Pierucci 7, Sabia, Dragone, Oliva ne, Corti ne, Pastorelli ne. All. Fattorini
BASKET PEGLI: Pini 16, Bruzzone 2, Padula 9, Papiri 22, Monachello 2, Torchia 2, Canale 2, Della Margherita, Barberis, Bertini, Belgrano ne, Pastorino ne. All. Tochia
ARBITRI: Puocci e Santacroce
Parziali: 17-21, 27-35, 44-44
Con un’ultima frazione da antologia, il Drago e la Fornace piega la giovane compagine del Basket Pegli (a referto ragazze del 2003 e 2004) che nella prima parte della gara mette sotto le senesi, per nulla reattive di fronte alla spavalderia delle avversarie. Prima frazione complicata, così come la 2^, dove le ospiti dopo il 10-9 del 5’, iniziano a scappare grazie a Papiri, creando un solco importante al 15’ (21-29) che viene colmato in parte da due bombe di capitan Renzoni. C’è poca reattività tra le bianconere, mentre le liguri si trovano a meraviglia. Qualcosa inizia a cambiare dopo l’intervallo, costoniane in campo con un’altra mentalità ed è subito Poletti che dalla distanza infila a ripetizione la retina, mentre Dragoni inizia ad attaccare il ferro con efficacia e continuità, tanto che alla fine segnerà 26 a referto. Adesso il Drago e la Fornace sputa fuoco in ogni parte del campo, con Bianconi che si mette in evidenza in fase difensiva. La gara si fa estremamente avvincente, con l’ultimo quarto tutto di marca senese, con le ragazze di Fattorini che iniziano a macinare canestri su canestri; le triple di Pierucci e Renzoni sono una vera e propria sentenza per Pegli che alla distanza cala vistosamente lasciando via libera al Costone.

Costone Siena
Share on Google Plus

About Redazione Sport

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento