Header Ads

Viking, Andrea Tommei suona la carica: "A Prato per il riscatto"


La Viking vuole assolutamente dimenticare la sconfitta con Agliana. Una partita che ha lasciato nella squadra rossoblù una ferita da rimarginare al più presto, ma anche messaggi importanti su come affrontare un campionato strano, dove tutto o quasi si decide in due mesi. Da ora in poi i ragazzi di coach Cardelli dovranno commettere pochi errori, come sottolinea Andrea Tommei. “Sabato vogliamo tornare subito alla vittoria - dice il numero 55 della Viking - la sconfitta di domenica ci ha fatto capire che non è più il momento di scherzare. E' arrivato un messaggio forte e chiaro che già sapevamo, ovvero che sulla carta non si vince e che il campo dice quasi sempre le cose come stanno. Agliana ha confermato di essere una squadra attrezzata per la categoria, d'altra parte negli ultimi anni è sempre arrivata a lottare per la promozione, giocano insieme da tanti anni e si sono confermati un avversario di rango" C'è il rischio che la sconfitta di domenica ci abbia in qualche modo ridimensionati? “Nè ridimensionati, ma non ci sentivamo neppure sopravvalutati - continua Andrea - Siamo consapevoli dei nostri punti deboli e dei nostri punti di forza, come eravamo consapevoli su cosa fare domenica per vincere e arginare le loro caratteristiche. Di positivo c'è che adesso non abbiamo ancora una condizione ottimale e non possiamo che migliorare, purtroppo il tempo è tiranno e in un mese ci giochiamo l'accesso alla poule promozione”. La partita con Agliana ha mostrato, in modo inequivocabile, qual è l'aspetto del gioco che la Viking deve migliorare: “Abbiamo punti nelle mani - risponde Tommei - ma dobbiamo migliorare la fase difensiva. Questo è evidente. La condizione come detto non è ancora ottimale, quindi anche questo aspetto incide, ma la formula non perdona e non dobbiamo cercare alibi. Non possiamo certo sperare di vincere se subiamo 100 punti. In attacco finora le cose sono andate bene, produciamo tanto e siamo sempre pericolosi e propositivi. Ma nella nostra metà campo dobbiamo lavorare meglio”. Adesso per la Viking arrivano due trasferte di fila, a Prato e a Castelfiorentino, entrambe molto importanti. “Intanto siamo concentrati su Prato - conclude Andrea - squadra ostica che finora le ha perse tutte ma si è giocato la vittoria sempre fino alla fine. Dispone di giocatori pericolosi come Magni e Danesi, è un collettivo rodato che non dovremo assolutamente sottovalutare. Dovremo costruire una partita solida, partendo dalla difesa, giocando con intensità e concentrazione. Vogliamo e dobbiamo riscattarci”.

Viking Montecatiniterme Basketball

Nessun commento

Powered by Blogger.