Header Ads Widget

Un bel Piombino sfiora la vittoria a San Miniato


Squadra definitivamente ritrovata, ora però inizia un altro campionato, servono i punti
Piombino disputa un buon primo quarto e buona parte del secondo, pur evidenziando ancora una debolezza difensiva, Lorenzetti e Tozzi imperversano, il primo con la forza fisica, il secondo con tanta qualità. I tanti cambi di marcatura e anche la molta zona attuata, non frenano i due, 14 punti a segno per il primo e 13 per l’altro. Spesso la difesa del Golfo è battuta con penetrazioni sulla linea di fondo , con il difensore che, dalla zona, chiude in ritardo e viene battuto. In compenso in attacco la produzione è buona, Piombino riesce a lungo a tenere bassi i ritmi e ipnotizza con questi San Miniato, perde pochi palloni, solo 5. Primo quarto dove Eliantonio pur non riuscendo in difesa in attacco trova bone soluzioni, coadiuvato da Tognacci che oramai pare aver ben collaudato il suo arresto e tiro, quarto equilibratissimo che si chiude sul 23 a 21 per i locali. Il secondo parziale è un tira e molla, Piombino ad inseguire, ai canestri di Lorenzetti rispondono Bianchi e Venucci, e la fuga non riesce a San miniato. La partita gira decisamente verso i locali solo nel finale di quarto, dove due bombe di Benites e Tozzi, danno il più 6. Il Golfo per un po’ tiene in difesa, ma l’attacco sull’aumento di pressione della difesa di San Miniato, si blocca e un paio di palloni persi generano il più 8, limato solo di poco nel finale per il 46 a 39 al riposo lungo. L’inizio di terzo quarto è disastroso, alcuni banali errori, su cui la difesa di San miniato non può accampare meriti, indeboliscono le certezze offensive dei gialloblu, che nei primi 4’segneranno solo 2 punti. Ma dopo i 46 punti segnati nel primo quarto, Friso avrà certamente chiesto più attenzione in difesa e questa abbinata ad un po’ di supponenza da parte dei pisani, che si intestardiscono nel tirare da tre, fa si che il punteggio non vada oltre il più 9. Nel finale di quarto un sempre più protagonista Tognacci, mette 6 punti di fila e riporta i suoi a meno 2, ma una bomba di Quartuccio riporta a più 5 il vantaggio, 61 a 56 al riposo. Nel quarto finale con Venucci in panchina, partenza shock, parziale di 6 a 0, lanciato da un Tozzi immarcabile. Potrebbe sembrare al fine del match, ma i gialloblu, non vogliono mollare e lentamente risalgono la china, Venucci da tre blocca l’emorragia, poi il Golfo ritrova fluidità in attacco e arriva una prima volta a meno 2 a 4’ dal termine. L’aggancio arriva con un 2 più 1 di Eliantonio e dopo un errore di San Miniato arriva anche il più 2, con un affondata di Persico su assist di Venucci. Ancora Persico, a 1’ circa dalla fine, ha i liberi per il più due, ma ne mette uno solo, dall’altra parte Mastrangelo mette il piazzato del più uno. La prima occasione del nuovo sorpasso si spenge sull’errore da tre di Venucci. Siamo oramai dentro gli ultimi 24’’ e Piombino ferma a 18’’ dal termine Caversazio con un fallo. Il sanminiatese dalla lunetta, fa 0 su 2 e Mazzantini prende il rimbalzo. Piombino ha in mano la palla della vittoria, ma non riesce a creare un tiro attraverso la circolazione di palla e a 5’’ dalla fine Paolin dopo aver a lungo palleggiato prova un piazzato da due, non va, rimbalzo San Miniato e partita finita, Lorenzetti fissa il 82 a 79 finale. Felici per aver confermato la crescita della squadra, ma con un po’ di rabbia per la grande occasione sfumata per un soffio. Ma il Golfo c’è, quarta partita consecutiva dove si rivede una squadra ai livelli che gli sono più consoni. Lode comunque ai ragazzi di coach Friso capaci di lottare da pari a pari contro la capolista, contro la squadra per caratteristiche più difficile da affrontare. Abbiamo sentito coach Friso a fine match: queste le sue parole: “Adesso siamo competitivi, con tutte le altre, adesso quello che ci manca sono i punti. Abbiamo giocato in casa della prima in classifica, che non perde in casa da tantissimo, abbiamo reagito bene a quei due minibreak che ci hanno fatto e questo è molto positivo. In negativo, abbiamo concesso troppo al rimbalzo offensivo, sono stati 14, che sono stati decisivi nella seconda metà gara. Adesso quel che chiedo alla squadra è quella cattiveria, quella determinazione in più che serve a chiudere al meglio i momenti favorevoli. Adesso i due punti in palio mercoledì saranno di un importanza enorme, da qui in avanti sarà una lunga rincorsa, la classifica è ancora cortissima, siamo a soli due punti dalla zona playoff, ma con la classifica che si muove anche dal fondo, siamo anche a due punti dal fondo della classifica. Per risalire e fare quei punti che ci mancano, indipendentemente da tattiche, schemi di gioco, occorre avere quel sangue agli occhi, quella cattiveria, che nei momenti decisivi, fa portare a casa le vittorie. La squadra stasera ha giocato, ai ragazzi non posso assolutamente dire nulla, sull’impegno e sulla forza che hanno messo in campo." Su quell’ultimo tiro cosa mi dici Massimo? “Le nostre percezioni cambiano ovviamente, se va dentro, o se va fuori. Io devo ancora rivederla con calma, credo che forse si poteva ancora aspettare qualche secondo, ma poteva anche succedere che si moriva con la palla in mano. L’idea era buona, già in partita aveva già preso quel tiro, se avesse segnato era un eroe, il tiro era comunque un buon tiro.”
La Patrie San Miniato - Solbat Piombino 82-79 (23-21, 23-18, 15-17, 21-23)
La Patrie San Miniato: Antonio Lorenzetti 26 (13/19, 0/0), Luca Tozzi 22 (9/11, 1/6), Nicola Mastrangelo 11 (4/7, 1/5), Edoardo Caversazio 7 (0/0, 1/3), Renato Quartuccio 5 (1/1, 1/2), Giulio Candotto 4 (1/4, 0/6), V.j. alberto Benites 3 (0/1, 1/3), Stefano Capozio 2 (1/1, 0/1), Lorenzo Bellachioma 2 (1/1, 0/0), Giosue Tamburini 0 (0/0, 0/0), Marco Ermelani 0 (0/0, 0/0), Ismael Ciano 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 7 / 11 - Rimbalzi: 37 12 + 25 (Antonio Lorenzetti 7) - Assist: 16 (Renato Quartuccio 6)
Solbat Piombino: Mattia Venucci 21 (4/6, 2/6), Giacomo Eliantonio 19 (8/10, 0/2), Camillo Bianchi 12 (2/2, 2/4), Francesco Paolin 10 (3/7, 0/1), Federico Tognacci 10 (4/7, 0/7), Edoardo Persico 5 (2/3, 0/1), Saverio Mazzantini 2 (1/3, 0/0), Niccolò Pistolesi 0 (0/0, 0/0), Edoardo Pedroni 0 (0/0, 0/0), Giovanni Mezzacapo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 24 - Rimbalzi: 27 3 + 24 (Saverio Mazzantini 6) - Assist: 5 (Mattia Venucci, Edoardo Persico 2)

Stafanini Stefano

Posta un commento

0 Commenti