Header Ads Widget

Gema, basket e sociale a braccetto: il bel progetto con Superboys and Girls di Pieve a Nievole


QUANDO IL BASKET DIVENTA ANCHE INCLUSIONE: GEMA E MONTECATINITERME BASKETBALL PER IL PROGETTO SUPERBOYS AND GIRLS
Un nuovo bel progetto di inclusione sociale tra l'azienda Gema, rappresentata dall'amministratore e primo tifoso Alessandro Lulli, il direttore generale Moreno Sponda, il Montecatiniterme Basketball, l’associazione Super Boys and Girls di Pieve a Nievole, che segue il modello educativo di Special Olympics Italia: è stato ufficializzato nei locali di via del Melo della Gema in un segmento di primaria importanza quale lo sport come veicolo e messaggio di inclusione sociale nei confronti dei ragazzi con disabilità intellettiva. Seguendo il motto di Special..."Che io possa vincere, ma se non dovessi riuscirci, che io possa lottare con tutte le mie forze!!", il giuramento dell’atleta Special Olympics, ente nato nel 1968 negli Usa dalla volontà di Eunice Kennedy Shriver. L’azienda Gema e il basket rossoblù si stanno impegnando per supportare in varie forme l'attività dei ragazzi seguiti da molti anni dai fondatori del progetto pievarino Super Boys and Girls (esistente da più di 10 anni) che rispondono ai nomi di Lucia Giachini, professoressa dell’Istituto Sismondi Pacinotti di Pescia, Lida Bettarini, assessore allo sport del Comune di Pieve, Lucrezia Calabretta ( che si occupa della pallavolo per il gruppo di atleti), Emanuele Tosi (calcio), Mattia Chiocchetti (basket) e Chiara Mannis (volontari e comunicazione). Un progetto che mira a coinvolgere nello stesso campo di gioco, e quindi sul parquet nel nostro caso, anche gli atleti della prima squadra nel cosiddetto sport unificato con gli atleti con disabilità. A Pieve nella sede Gema erano presenti anche per questo motivo il capitano Fernando Marengo, l'allenatore Marco Del Re, il presidente Giampiero Cardelli e il direttore sportivo Guido Meini. «Questo è un progetto ambizioso e affascinante che come azienda vogliamo supportare al meglio» ha detto l’amministratore unico di Gema Alessandro Lulli - Il nostro intento è semplicemente quello di dare l’esempio e sensibilizzare altre aziende a fare altrettanto». Per il direttore generale Moreno Sponda: «Lo sport è motore di inclusione sociale e strumento di integrazione delle minoranze vulnerabili. Se dovessimo descrivere oò significato di volontariato potremo usare una sola parola: gratuità. E’ quello che fa Special Oympics per i meno fortunati ed è qualcosa di straordinario». Ad entrare nel merito della sinergia è stato il presidente del Montecatiniterme Basketball Giampiero Cardelli. «Faremo la nostra parte per quanto riguarda l’attività motoria, con massima disponibilità. Creeremo qualche spazio in più per far allenare e giocare questi ragazzi con le nostre giovanili – prosegue – e talvolta anche con la nostra prima squadra. Sono felicissimo della collaborazione che ci avete proposto», ha detto rivolgendosi all’associazione pievarina. «Sono tanti anni che portiamo avanti questo progetto, in cui crediamo molto e che forse ha dato più a noi che non ai ragazzi» ha affermato la professoressa Lucia Giachini -«Quello che facciamo noi e più in grande Special Olimpics è regalare opportunità. Di crescere, di essere autonomi, di fare sport nel modo idoneo ai propri bisogni. Sia ragazzi più piccoli che a quelli più grandi, che praticano basket, pallavolo e calcio in modo unificato». Emozionato anche il nostro direttore sportivo Guido Meini. “Ci sentiamo onorati dalla richiesta di supporto ricevuta da SuperBoys and Girls. Mi piace sottolineare che alla base della nostra società ma anche dell’azienda Gema ci siano i valori umani. Per questo è un’occasione che non potevamo non accogliere con entusiasmo”. Una bella giornata conclusa con i saluti degli assessori dei comuni di Montecatini e Pieve, Federica Rastelli e Lida Bettarini, soddisfatte “di un progetto di civiltà, di inclusione e di novità nei rapporti tra mondo del basket, del sociale e della disabilità di cui c’è tanto bisogno sul territorio”.

Matteo Baccellini
Ufficio Comunicazione - Gema Montecatini

Posta un commento

0 Commenti