Header Ads Widget

Gema, altro bel successo ad Agliana (88-102). Sono 17 di fila


GEMA MONTECATINI PASSA ANCHE AD AGLIANA (88-102)
ENDIASFALTI - Zita 19, Nesi 21, Bibaj, Chiti 2, Razzoli 3, Natalini ne, Nieri 14, Tuci, Bruno 6, Covino 2, Tommei 21. All.: Mannelli.
GEMA - Marengo 20, Bruni 16, Zampa 12, Molteni 12, Lai, Cei F. 5, Konate, Rasio 14, Neri 18, Leone, Ghiarè 5. All.: Del Re.
ARBITRI - Landi di Pontedera e Pierallini di San Giovanni Valdarno.
PARZIALI: 28-31, 45-49, 69-77.
E' una Gema autoritaria quella che è passata anche alla palestra Capitini di Agliana (88-102) confezionando una prestazione di cuore e lucidità, per la vittoria consecutiva numero 17 in campionato. Agliana per la prima volta in campo senza Zeneli e con l'ex Virtus Siena, Bruno, a cercare di arginare Rasio in area, compito ben eseguito a lungo, per almeno tre quarti. La Gema si affida allora a Neri, Bruni e Zampa per tentare la prima fuga (10-16) in un primo quarto da punteggi altissimi, in cui Nesi non sbaglia nulla e Nieri gli da una bella mano per restare agganciati al match. Partita veloce e intensa, con gli arbitri che non riescono a guidare bene il derby, fischiando troppo e spesso male, creando problemi e nervosismo a entrambe le squadre: Zampa prova ad allungare per Gema, ma Zita impatta a quota 40 e all'intervallo il 45-49 la dice lunga sugli attacchi delle due squadre, con i due argentini rossoblù oscurati dal bel lavoro difensivo della Endiasfalti. Nel terzo quarto arriva il vantaggio di Agliana (63-60) con un parziale di 10-0 che mette paura a Gema, ma prima capitan Marengo, poi Molteni, infine un ritrovato Rasio riscrivono la partita con un nuovo break di 0-12 per il 60-69, a cui si aggiunge un tecnico alla panchina di casa. I problemi di falli di Ghiarè e Zampa costringono Del Re a schierare il giovanissimo Cei, che ripaga benissimo con cinque punti a cavallo tra il terzo e il quarto periodo (69-80). Anche Agliana perde presto Zita, Bruno e poi Nieri per falli in un finale caldissimo ma con Gema in costante controllo. Il match prende la via di Montecatini grazie a un Marengo dominatore in area, prima del tecnico che lo estromette del match. Il sigillo arriva con la tripla di Zampa che poi "festeggia" forse troppo indicando la panchina di casa: attimi di grande tensione, poi espulsi lo stesso Zampa e Nesi nel caos finale che non rende onore a una bella partita. Per Gema una vittoria fondamentale, prima della sfida di mercoledì al Palaterme con Arezzo (ore 21) e della successiva sempre in casa con Lucca, domenica 27, per chiudere febbraio.

Matteo Baccellini
Ufficio Comunicazione - Gema Montecatini

Posta un commento

0 Commenti