Header Ads Widget

Ragusa fa valere tutto il suo potenziale, la Bruschi costretta alla resa


San Giovanni Valdarno è costretta alla resa nella prima uscita ufficiale in campionato. Ragusa fa valere i pronostici della vigilia, con la formazione di Diamanti che dimostra tutto il proprio potenziale al cospetto della matricola Bruschi. La squadra di Matassini regge un quarto, poi subisce la maggior esperienza di Vitola e Anigwe protagoniste sotto canestro. Per la Bruschi ottima prova di Tassinari, top scorer delle toscane con 20 punti a referto.
RAGUSA: Dotto, Romeo, Hampton, Anigwe, Vitola
SGV: Varga, Tassinari, Garrick, Trasi, Whitted
Cronaca – Parte subito forte Ragusa, con Anigwe e Vitola a sancire il 5-0. Il primo canestro ufficiale della Bruschi è una tripla di Tassinari, con Trasi a impattare a quota 5. Romeo s’inventa un gran 3+1, ma la formazione di Matassini regge l’urto e prima con Tassinari e poi con Garrick, imbeccata da un assist clamoroso della numero sette, mette il naso avanti sul 9-12. Hampton e Vitola salgono di colpi dando la prima spallata (21-14), Missanelli prova a tenere a galla le compagne ma il finale è tutto ragusano con Ostarello e Vitola a scrivere il 28-16 del primo quarto. Nel secondo periodo Tassinari suona subito la carica riducendo a otto le lunghezze di margine (28-20), ma Ragusa risponde subito da grande squadra facendo valere la maggior stazza sotto canestro con Anigwe e Hampton che firmano otto punti in un amen per il 36-20. Matassini prova così ad alternare le giocatrici in campo, ma la trama non cambia con Vitola a spingere le compagne fino 46-20. Tassinari e Milani smuovono il punteggio Bruschi, sotto a metà gara 50-25. Nel terzo quarto è Whitted la prima a trovare il canestro, con Dotto che replica immediatamente. Due triple di Tassinari riportano il margine sotto la doppia cifra (52-33), ma Ragusa risponde di tono con le solite Hampton e Anigwe protagoniste nello scrivere il 61-35 dopo ventisette minuti di gioco con Matassini costretto a panchinare Tassinari con quattro falli personali. Ragusa allunga ancora e dopo trenta minuti conduce 67-35. La quarta frazione serve solo a sancire il punteggio finale: termina 97-48. Le parole di coach Alberto Matassini: “Difficile commentare una partita in cui una squadra sovrasta l’altra fisicamente, tecnicamente e a livello di energia. Abbiamo fatto un buon primo quarto, peccato aver regalato tre palloni e speso un paio di falli stupidi che hanno aperto la forbice. Da quel break in poi Ragusa ha preso il controllo della partita e sebbene una reazione nel terzo quarto ci sia stata, è troppo poco rispetto a quanto dobbiamo fare per poter competere a questo livello, ammesso che il nostro roster costa quanto due giocatrici di Ragusa, quindi non devono essere loro il nostro riferimento tecnico e strutturale, ma di energia e volontà si.”.
RAGUSA – SAN GIOVANNI VALDARNO 97 48 (28-16, 50-25, 67-35)
RAGUSA: Anigwe 25, Vitola 30, Romeo 4, Hampton 9, Ostarello 4, Attura 10, Dotto 8, Consolini 2, Mallo 5, Di Fine, Olodo, Sammartino. All. Diamanti
SGV: Trasi 6, Tassinari 20, Garrick 9, Schwienbacher, Varga, Bove, Whitted 4, Milani 3, Missanelli 4, Lazzaro, Atanasovska 2. All. Matassini

Uff.Stampa Polisportiva Galli

Posta un commento

0 Commenti